Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca Campo Ligure

Spugne fritte a Campo Ligure, allarme per cani e gatti

Il Comune ha segnalato attraverso i propri canali social due casi sul proprio territorio negli ultimi mesi e ha ricordato a tutti i cittadini quali sono i passi da fare in caso di ritrovamenti di esche o bocconi avvelenati pericolosi per cani e gatti

Spugne fritte a Campo Ligure. Il Comune ha segnalato attraverso i propri canali social due casi sul proprio territorio negli ultimi mesi e ha ricordato a tutti i cittadini quali sono i passi da fare in caso di ritrovamenti di esche o bocconi avvelenati pericolosi per cani e gatti. 

«L'Amministrazione - si legge in una nota - si indigna e si unisce al senso di disgusto suscitato dal ritrovamento: chi compie atti premeditati a danni di vittime innocenti come gli animali va fermato assolutamente, senza dimenitcare che a essere in pericolo sono anche i bambini. L’inciviltà e la cattiva coscienza, unite allo spregio per creature che non possono difendersi dalle crudeltà gratuite, sono sintomo di un disagio e di una frustrazione notevole. In attesa che i colpevoli vengano individuati e puniti come si deve, e soprattutto che tali reati finiscano una volta per tutte, è importante sapere almeno come tutelarsi».

Spugne fritte, come riconoscerle e cosa fare

«Ci sono dei comportamenti - ricorda il comune di Campo Ligure - che è molto importante tenere: le esche si possono presentare anche sotto forma di uova avvelenate, salsicciotti imbottiti, polpette di carne. Quando si passeggia con il proprio animale, bisogna prestare molta attenzione che l’animale non ingerisca cose abbandonate per terra o trovate nei cespugli».

«Se il cane ingerisce qualcosa - prosegue il Comune - , attenzione al suo comportamento: osservare che non faccia fatica a stare sulle zampe, che non perda l’equilibrio, che non inizi a salivare abbondantemente, che il respiro sia regolare e non affannoso e che non manifesti tremori o convulsioni. Questi casi citati sono tutti sintomi di un probabile avvelenamento. La velocità di azione del proprietario potrebbe fare la differenza tra la vita e la morte del proprio animale».

«Chiamare subito il Pronto soccorso veterinario  - conclude il Comune - in modo che il medico sia già preparato a gestire l’emergenza quando si arriva all’ambulatorio. Fino a quel momento, attenersi strettamente alle indicazioni del veterinario senza prendere iniziative, dal momento che non tutti i veleni devono essere vomitati subito dal cane: se si tratta di acidi, ad esempio, col vomito indotto si potrebbero procurare ulteriori lesioni. Di concerto con le Guardie Zoofile di Enpa e dei Carabinieri Forestali, l'Amministrazione chiede a chi rinvenisse esche, spugne fritte ed altri dispositivi atti a cagionare danni a cani, gatti ed altri animali di avvisare immediatamente il Comune (010.920.480), oppure le Guardie Zoofile oppure i Carabinieri forestali (010.926.492) al fine di ricevere le istruzioni sul da farsi. Tale segnalazione permetterà inoltre l'intervento di squadre cinofile specializzate nel ritrovamento delle esche».

Spugne fritte e codice penale

Il Comune di Campo Ligure ricorda infine che tale comportamento è un reato: il codice penale punisce infatti l’uccisione di animali «per crudeltà o senza necessità» e spargere polpette avvelenate allo scopo di uccidere animali rientra perfettamente tra le fattispecie penalmente rilevanti. Anche se l’animale si salva, a causa delle forti sofferenze inflitte dal veleno si configura comunque il reato di maltrattamento, punibile con la pena della reclusione sino a 18 mesi. Se invece l’animale non solo soffre ma come spesso accade muore solo dopo una lunga agonia, si avrà maltrattamento aggravato dalla morte, per il quale è previsto un aumento di pena. Inoltre la Giurisprudenza ha preso in considerazione, finalmente, anche il danno morale e fisico causato al padrone dell’animale che muore causa avvelenamento: il legame che si crea infatti è talmente profondo che una perdita del genere può causare depressione e disagi difficili da affrontare.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spugne fritte a Campo Ligure, allarme per cani e gatti

GenovaToday è in caricamento