Cronaca

L'entroterra cede dopo le piogge: altre frane a Cogorno e Campo Ligure

Smottamento in località Buzero, in via Mongrosso, i vigili del fuoco hanno poi salvato gli abitanti di una palazzina investita da una frana in via San Martino

L’entroterra genovese si sbriciola dopo gli ultimi giorni di maltempo e l’accumulo di piogge autunnali. Nella notte tra domenica e lunedì una frana ha investito una palazzina in via San Martino, a Cogorno, e lunedì mattina un’altra grossa frana è caduta a Campo Ligure, in via Mongrosso, poco prima di località Buzero in direzione Mongrosso. 

A Cogorno i vigili del fuoco sono intervenuti per portare in salvo i due residenti e i loro due cani, rimasti intrappolati nella palazzina. A Campo Ligure la frana ha bloccato la strada e ha coinvolto anche un palo dell’Enel causando anche problemi alla fornitura elettrica. Sul posto sono intervenuti sia i tecnici Enel sia il geologo del Comune insieme con il vicesindaco per un sopralluogo, ma la valle Stura, così come le altre vallate che circondano Genova, le frane sono ormai una costante. 

Anche nel resto della Liguria la situazione è difficile: oltre alla grossa frana che ha bloccato completamente l’Aurelia tra Chiavari e Rapallo, il terreno ha ceduto anche a Rapallo, zia in frazione Chignero (dove alcune famiglie sono isolate) sia sulla provinciale 58, sul passo della Crocetta, tra San Maurizio Monti e Coreglia, nel parco di Villa Durazzo a Santa Margherita Ligure, chiuso per sicurezza, e ancora nell’Imperiese, tra Taggia, Badalucco, Cegno e Sanremo.

A Genova, una casa di riposto è isolata dopo una voragine che si è aperta in via alla Costa di Teglia, a Sori è stata chiusa la strada in località Canepa per problemi strutturali a un edificio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'entroterra cede dopo le piogge: altre frane a Cogorno e Campo Ligure

GenovaToday è in caricamento