menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tentato omicidio a Molassana: arrestato dopo mesi di ricerche

Il fatto risale a domenica 18 maggio quando Salvatore Mancuso fu ritrovato sanguinante all'angolo tra via Piacenza e via Lodi. Arrestato dopo mesi di ricerche Salvatore Cimò, già in regime di semilibertà vigilata

Il 18 maggio scorso uno sparo nella notte scosse tutta la Valbisagno. Salvatore Mancuso pregiudicato di 59 anni, fu ritrovato sanguinante nell'angolo tra via Piacenza e via Lodi ma da subito rifiutò di collaborare.

Dopo mesi il caso può definirsi risolto. In manette con l'accusa di tentato omicidio è finito Salvatore Cimò, siciliano di 62 anni, già condannato all'ergastolo per un precedente omicidio (nel 1977 aveva ucciso un carabiniere) e regime di semilibertà.

L'uomo ha tentato di uccidere Mancuso, un conoscente, dopo una lite sparandogli un colpo in pieno viso. Un omicidio che era stato sventato solo grazie alla prontezza della vittima che si era coperta con un braccio e aveva riportato la frattura scomposta di omero e ulna. Cimò aveva trovato lavoro come meccanico e poteva uscire di giorno ma alle sera alle 21 doveva rientrare in carcere. Mancuso si era rifiutato di collaborare alle indagini negando la circostanza e dicendo di "essere stato colpito da una proiettile vagante" mentre camminava. Atteggiamento omertoso che ha fatto scattare la denuncia per favoreggiamento.

Le indagini della squadra mobile tramite intercettazioni telefoniche dello stesso Mancuso hanno portato a ricostruire il quadro e raccolto gravi elementi di colpevolezza ai danni di Cimò. All'origine del tentato omicidio ci sarebbe stato una lite per futili motivi tra i due che avrebbe portato Mancuso a colpire Cimò con un pugno e questo a fare fuoco contro di lui.

L'ordinanza di custodia cautelare chiesta dal pm Biagio Mazzeo e disposta dal gip Silvia Carpanini e stata eseguita ieri nel carcere di Marassi dove il siciliano si trova perche' sta scontando l'ergastolo. Nel frattempo alla luce dell'indagine il tribunale di sorveglianza ha revocato a Cimo' il regime di semiliberta'.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Si presenta di notte all'hub per il vaccino, ma trova chiuso

Costume e società

Da dove deriva il nome del quartiere Marassi?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento