Lunedì, 27 Settembre 2021
Coronavirus

Scuola, Toti: “Sì all’obbligo vaccinale per il personale se non si raggiunge la soglia di sicurezza”

Il presidente della Regione chiede anche che venga innalzata la capienza dei bus dall’attuale 50% all’80%: “Non possiamo permetterci di tornare in dad”

Sì all’obbligo vaccinale per il personale scolastico e all’aumento della capienza dei bus per far tornare i ragazzi a scuola.

A prendere posizione netta è il presidente della Regione, Giovanni Toti, con un post su Facebook in cui sottolinea che “la parola d’ordine a settembre deve essere far tornare a scuola in sicurezza tutti gli studenti”. Ciò su cui il governatore ligure insiste, in particolare, è che gli insegnanti che ancora non si sono vaccinati “lo facciano entro l’inizio dell’anno scolastico per ridurre al minimo il rischio di contagi e scongiurare l’ennesima chiusura degli istituti. Se non sarà garantita la soglia di sicurezza di personale immunizzato, è bene valutare l’ipotesi di introdurre l’obbligo vaccinale per questa categoria, affiancandola a una grande opera di sensibilizzazione dei pediatri per le fasce più giovani che ancora non si sono vaccinate”.

“Basta Dad o distinzioni tra classi elementari, medie e superiori - conclude Toti - non possiamo più permetterci di negare anche a un solo ragazzo il suo diritto allo studio in presenza”.

Scuola e trasporti

Anche sul fronte trasporti la posizione del presidente della Regione è chiara: necessario innalzare la soglia di capienza massima, che al 50% “non consente di garantire la didattica in presenza, e questo non possiamo permettercelo. Possiamo anche valutare determinate modifiche sui mezzi di trasporto - è la proposta - cambiare per esempio il sistema di areazione all’interno e rendere così meno facile il contagio, ma bisogna intervenire al più presto e le Regioni sono a disposizione delle Prefetture, che stanno lavorando per il rientro a scuola”.

Dell’obbligo di vaccinazione per gli insegnanti e il personale scolastico se ne discute ormai da giorni al governo, con una maggioranza favorevole che deve ancora confrontarsi con sindacati e associazioni di categoria. L’obiettivo comune, ribadito anche dal premier Mario Draghi nella conferenza stampa dedicata all’obbligo Green Pass, è far tornare tutti gli studenti a scuola, dai più piccoli ai più grandi.

Liguria, quando si torna a scuola

Ancora non è chiaro se il governo deciderà di adottare le “maniere forti” obbligando alla vaccinazione il personale scolastico o se potenzierà la rete di diagnostica tramite tampone. Di certo c’è che entro il 12 settembre il quadro dovrà essere definito, perché è quella la data in cui la stragrande maggioranza degli alunni torna in classe.

Gli studenti liguri dal canto loro torneranno in aula il 15 settembre 2021. Oltre al nodo insegnanti e personale c’è poi da sciogliere quello del vaccino proprio per loro: il commissario straordinario per l’emergenza Covid Francesco Paolo Figliuolo ha fissato al 60% l’obiettivo vaccinazioni per i giovani tra i 12 e i 19 anni che dovranno essere vaccinati entro i primi dieci giorni di settembre, il che comporta la somministrazione a livello nazionale di circa 30mila dosi in più rispetto alla media attuale di somministrazioni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola, Toti: “Sì all’obbligo vaccinale per il personale se non si raggiunge la soglia di sicurezza”

GenovaToday è in caricamento