«Restate a casa»: nel giorno più nero per i decessi, il San Martino pubblica il 'meme' con le bare e scoppia la polemica

Una foto del video chiamato "bara ballerina" accompagna il post dell'ospedale a cui "interessa diminuire l’unica conta che scandisce oramai le nostre giornate al Policlinico, quella dei decessi. Possibile solo attraverso comportamenti civili, a cui noi richiamiamo con forza, vigore. Anche così"

«Dal 3 marzo al 28 marzo abbiamo tristemente riscontrato e segnalato all'Istituto Superiore di Sanità 98 decessi per Covid. Solo nelle ultime 24 ore sono stati 11 i decessi, record in negativo da inizio emergenza. C'E' IL SOLE? BENE...FOSSIMO IN VOI noi medici, infermieri e oss STAREMMO A CASA se potessimo. E non in prima linea, PER VOI, qui al San Martino??».

Con questo post sulla pagina Facebook dell'ospedale il Policlinico San Martino di Genova comunica il record negativo di morti: 98 decessi in meno di un mese e accompagna il messaggio con la foto di un "meme" che sta facendo il giro dei social, conosciuto come "bara ballerina" su Youtube o Instagram, con cui molti utenti ironizzano su comportamenti incoscienti.

La polemica su Facebook

E la scelta dell'ospedale fa scattare la polemica: "Per favore spiegatemi questa foto, non ho capito il messaggio" è uno dei primi commenti che si leggono. Ancora: "Noi stiamo a casa, ma voi evitate di fare ironia sulla pelle delle persone che non ci sono più.
Siete un Ente Pubblico, non la chat degli amici del pub".

Chi conosce il meme sostiene invece la scelta dell'ospedale: "La foto riassume il rischio meglio di tante parole, e lo fa con una punta di leggera ironia utilizzando un meme conosciuto proprio per il tono sarcastico. Credo possa essere concesso a chi ci salva il culo rischiando il proprio, rinunciando forzatamente allo stare a casa mentre noi ci si lamenta della reclusione...Fanno già tutto anche troppo seriamente, lasciate che il messaggio serio permanga negli intenti, concluso con una virgola di ironia che nonostante tutto, cercano di mantenere nonostante i morti reali non in foto che a loro quotidianamente tocca vedere".

Ma qualcuno si chiede anche: la foto che attinenza ha con i defunti? "Direi che se fossi parente di una di queste persone mi arrabbiereri non poco considerando che un funerale non riescono neppure a farglielo".

La replica dell'ospedale San Martino

Lo staff dell'Ospedale San Martino contattato da Genova Today riferisce di assumersi ogni responsabilità circa quanto pubblicato: «Accetto le inevitabili critiche ma sono azioni che rifarei, nelle vesti di Responsabile dell’Ufficio Stampa del Policlinico, figlio di una paziente Covid positiva, di 74 anni, che sta trascorrendo diligentemente la sua quarantena a domicilio dopo essere stata fortemente sintomatica per 10 giorni. Non siamo mai stati così decisi, nell’agire verso questa direzione, né ho mai voluto in questa maniera mancare di sensibilità e di rispetto verso chi è deceduto a causa della malattia e dei loro familiari, tra cui conoscenti qui al Policlinico».  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«L’immagine postata sulla pagina Facebook dell’Ospedale è, in gergo, un frame di  un video ‘virale’ tra la popolazione più giovane, quella che volevamo raggiungere e lo abbiamo fatto: porta sotto i riflettori la sottile linea di demarcazione che separa gli atteggiamenti stupidi, irrazionali, irresponsabili dalla morte. La stessa a cui si rischia di andare placidamente incontro se non si rispettano le disposizioni governative e gli accorati e continui appelli di chi si sta facendo in quattro, senza orari, per permettere ai cittadini di tornare alla vita di tutti i giorni. A me, noi del Policlinico non interessa la conta di like, commenti e condivisioni record ottenuti con questa azione, interessa diminuire l’unica conta che scandisce oramai le nostre giornate al Policlinico, quella dei decessi. Possibile solo attraverso comportamenti civili, a cui noi richiamiamo con forza, vigore. Anche così»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, preallerta per le prossime 48 ore

  • Schianto in Sopraelevata, choc per la morte di Ginevra: «Ciao angelo»

  • Schianto in sopraelevata, muore una ragazza di 28 anni

  • Un Premio Oscar a Genova: Helen Mirren pranza in una trattoria del centro

  • Quattro detenuti a Italia's Got Talent, la Uil: «Spreco di soldi pubblici»

  • Meteo, scatta l'allerta arancione per temporali su tutta la Liguria

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento