Coronavirus, plasma dei guariti usato su 4 pazienti

Il cosiddetto "plasma iperimmune" è stato usato per un percorso di cure compassionevoli, al vaglio un centinaio di donatori per la cura dei pazienti

A oggi sono quattro le persone contagiate dal coronavirus trattate con il plasma iperimmune, quello dei pazienti già guariti, per uso compassionevole. Nessun paziente è stato invece ancora inserito nel protocollo Tsunami, quello che mira a raccogliere sangue di pazienti guariti per curare quelli contagiati.

«In questo momento essendo appena partito siamo in una fase in cui i pazienti nuovi sono in discesa, e non abbiamo ancora individuato pazienti per il protocollo Tsunami - ha detto Vanessa Agostini, direttore della Struttura regionale di coordinamento per le attività trasfusionali - è stato invece utilizzato il percorso per l’utilizzo del plasma per pazienti a uso compassionevole, e in Liguria ne abbiamo curati 4».

Per il protocollo Tsunami, a oggi al San Martino sono stati selezionati un centinaio di potenziali donatori: «Li stiamo tutti chiamando e sottoponendo alla visita per la valutazione dell’idoneità - ha detto Agostini - e ai test richiesti da centro nazionale sangue». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A oggi in Liguria i centri individuati per creare la banca del plasma sono due, uno a Savona e uno al policlinico San Martino di Genova, dove sono disponibili le macchine per l'inattivazione dei patogeni necessaria alla donazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, possibile "mini lockdown" in tutta Genova: «I contagi crescono ovunque»

  • Covid, tutta Genova diventa zona "ad alta attenzione": firmata la nuova ordinanza

  • Covid, coprifuoco a Genova dalle 21 alle 6: ecco cosa si può (e non si può) fare

  • Auto pirata travolge gruppo di giovani a Quezzi, 4 feriti gravi tra cui una ragazza incinta

  • Incidente a Quezzi, arrestato il pirata della strada

  • Le bucano le gomme perché lesbica, lo sfogo dell'infermiera Camilla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento