menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Storia del "totem" del Porto Antico: cos'è e cosa rappresenta

È il totem realizzato da Luzzati per "Gli uccelli" di Aristofane

Può piacere o non piacere, ma di sicuro non passa inosservato, il "totem" che si trova al Porto Antico, esempio di arte contemporanea realizzato da un grande artista genovese, Emanuele Luzzati.

Chi passa vicino a Porta Siberia - accanto allo spazio dell'ex museo dedicato a Luzzati - non può non notarlo, e spesso finisce al centro di fotografie e selfie. Ma cos'è, questa particolare scultura, e cosa rappresenta?

Si tratta del totem realizzato da Luzzati per la scenografia de "Gli uccelli" di Aristofane. La commedia, andata in scena per la prima volta nel 414 a.C. ad Atene in occasione delle Grandi Dionisie, narra la storia di Pistetero ed Evelpide che - disgustati dal comportamento dei loro cittadini e pensando ormai di non poter più trovare una città vivibile tra gli uomini - decidono di fondare una città degli Uccelli tra le nuvole, a metà strada tra gli dei e gli uomini. Creano dunque la città di Nubicucùlia e in questo spazio s'inventano una strategia vincente, che avrà ragione degli uomini e degli dèi.

Il totem che vediamo al Porto Antico venne realizzato nel 2000 proprio per il suggestivo spettacolo del Teatro della Tosse dedicato proprio ad Aristofane (il titolo era "Gli uccelli e altre utopie"), da rappresentare al "Teatro del Mare", alla Diga Foranea, con un palcoscenico galleggiante. Fa parte di una collezione di altre gigantesche sculture alte più di 5 metri, ispirate a fantastiche figure di uccelli, e che fin dall'inizio erano destinate a far parte successivamente del panorama del Porto Antico. Questo totem, e gli altri, dunque rappresentavano in un modo tutto libero, particolare e fantasioso le figure fantastiche degli "Uccelli" della commedia di Aristofane che - come abbiamo scritto prima - venne rappresentata per la prima volta per le Grandi Dionisie, che erano celebrazioni dedicate a Dioniso, sicuramente uno degli dei più trasgressivi dell'antica Grecia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento