menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sviluppo urbano sostenibile, a giugno Genova centro dell'Europa

Genova si candida a diventare, in questo mese di giugno, centro del dibattito europeo sullo sviluppo urbano sostenibile, con una serie di importanti appuntamenti che porteranno la nostra città sotto i riflettori internazionali

Genova si candida a diventare, in questo mese di giugno, centro del dibattito europeo sullo sviluppo urbano sostenibile, con una serie di importanti appuntamenti che porteranno la nostra città sotto i riflettori internazionali.

 

Punto di partenza di questo dibattito sono le città, il vero motore dell’economia europea se si considera che quasi l’ottanta per cento della popolazione dell’Unione Europea vive in centri urbani. Le città sono qualcosa di più che semplici ricettori di politiche europee, ma veri e propri attori politici che sperimentano dal basso soluzioni concrete per ristabilire la cooperazione tra i diversi livelli istituzionali e rimettere le persone al centro delle politiche.

Occuparsi di nuove strategie di crescita e di sviluppo sostenibile, affrontare i problemi ambientali e quelli della mobilità, possono essere obiettivi di primo livello nell’agenda dell’Unione Europea, in quanto azioni volte al miglioramento della qualità di vita dei cittadini e ad un diverso approccio alla crescita urbana.

Di tutto questo si parlerà a Genova nel corso di questo mese. Il primo appuntamento è il 2º Forum dei Sindaci della piattaforma Cat-MED, in programma il 9 giugno a Palazzo Ducale: l’incontro, intitolato “Recovering the Classical City for Smart Living”, ospiterà sindaci e rappresentanti di una ventina di città e istituzioni dell’area del Mediterraneo, che si confronteranno sul tema di come le città classiche mediterranee, per la loro particolare struttura, possano diventare un efficace modello per lo sviluppo urbano sostenibile.

Genova, in particolare, ricorderà la positiva esperienza della “mela verde” progettata nel quartiere di Voltri, come quartiere ad alto tasso di sostenibilità.

L’incontro sarà moderato dal noto geologo e divulgatore televisivo Mario Tozzi, mentre la relazione introduttiva “La configurazione della città classica come strumento per migliorare la qualità della vita”, che fornirà temi e spunti per la discussione, spetterà a Roberto Camagni, professore ordinario di Economia Urbana al Politecnico di Milano.

In conclusione del Forum, i Sindaci presenti sottoscriveranno la Dichiarazione di Genova, con lo scopo di puntare l’attenzione dell’Unione Europea sulla centralità e sul ruolo delle città nella definizione delle strategie europee fino al 2020.

Il secondo appuntamento in ordine cronologico, la Genova Smart Week (in programma dal 16 al 20 giugno), vuole invece rappresentare un indispensabile momento di riflessione sul processo di trasformazione verso la “città intelligente”, in cui Genova ha investito impegno organizzativo e politico, informando a ciò tutta la programmazione e l’azione della civica amministrazione: l’evento principale della settimana sarà il “TRANSFORMation Dialogue”, un meeting internazionale strutturato in forma di dialogo fra città italiane ed europee sul tema della pianificazione strategica della Smart City.

La Smart Week mira ad essere il primo passo verso un processo di pianificazione realmente integrata, in cui le Istituzioni, le imprese, il mondo della ricerca e la società civile possano partecipare e confrontarsi con proposte concrete volte a migliorare la qualità della vita nelle città: ogni giornata di quella settimana sarà costituita da un alternarsi di eventi di livello internazionale di richiamo e di interesse per la cittadinanza, in vari punti della città.

Il secondo Congresso della rete Eu Core Net Cities (in programma il 25 e il 26 giugno), intitolato “Verso una rete integrata di aree metropolitane europee”, concluderà idealmente gli appuntamenti internazionali di questo mese di giugno.

L’incontro, che vedrà la presenza di sindaci e rappresentanti di enti locali, istituzioni e associazioni da tutta Europa, si concentrerà su alcuni temi centrali della riflessione e del dibattito sulle reti di trasporto transeuropee, permettendo il confronto fra decisori politici ed esperti del settore di rilevanza internazionale.

Per l’Italia, questo evento assumerà un rilievo particolare, dal momento che si terrà all’immediata vigilia del semestre di presidenza italiana dell’Unione Europea: l’auspicio è quello di indirizzare al nostro governo nazionale un importante messaggio da parte delle città europee, chiedendo attenzione e priorità per le connessioni e le infrastrutture europee, quale condizione indispensabile per il rilancio, la crescita e lo sviluppo delle aree urbane e metropolitane.

Le due giornate di lavori saranno articolate su sessioni tematiche dedicate a:
- Reti Ten-T e corridoi di trasporto transeuropei;
- Nodi infrastrutturali e città;
- ICT e reti di connettività transeuropee.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Costume e società

Da dove deriva il nome del quartiere Marassi?

Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Vaccino coronavirus, Toti: «Ritengo che da giugno si andrà senza più fasce di età»

  • Coronavirus

    Si presenta di notte all'hub per il vaccino, ma trova chiuso

  • Coronavirus

    Scuole, la didattica in presenza sale all'80 per cento

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento