rotate-mobile
Martedì, 5 Luglio 2022
Corsi di Formazione

Sicurezza sul lavoro, corsi di formazione e presidio medico in porto tra le proposte per aumentarla

Alla luce dei preoccupanti dati forniti da Inail (37 morti bianche in Liguria nei primi 5 mesi del 2018) in Prefettura si è tenuto un tavolo incentrato in particolare sulla cantieristica navale

Morti bianche in aumento nel 2018, e anche a Genova si corre ai ripari per cercare di individuare provvedimenti e soluzioni in grado di garantire la sicurezza dei lavoratori sul posto di lavoro. A pochi giorni dalla presentazione della relazione annuale di Inail, che ha evidenziato come in Liguria siano stati 37 i morti sul lavoro nei primi 5 mesi dell’anno, il prefetto Fiamma Scena ha ospitato in Prefettura un tavolo di confronto richiesto dalle organizzazioni sindacali CgilL, Cisl, Uil e Fiom, cui hanno preso parte anche rappresentanti della Regione, del Comune, dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, di Confindustria e di Asl, Inail e Inps.

L’incontro si è focalizzato in particolare sulla cantieristica navale, alla luce dell’incidente che si è verificato in Fincantieri lo scorso 13 giugno e che è costato la vita a Salvatore Lombardo, 43enne di Marassi dipendente di una ditta in sub-appalto che si stava occupando di lavori di manutenzione su una nave in costruzione nello stabilimento di Sestri Ponente.

Proprio la frammentazione delle lavorazioni, la tendenza a suddividere le commesse attraverso subappalti, è per le organizzazioni sindacali uno degli aspetti che contribuisce ad aumentare il rischio di infortuni sul lavoro: indispensabile, hanno sottolineato davanti alle autorità, individuare misure in grado di assicurare un maggior controllo da parte delle imprese, e a questo proposito è stata avanzata la possibilità di rafforzare nei vari siti la presenza del Rappresentante dei Lavoratori di Sede, figura di riferimento per i lavoratori accreditata da istituzioni e imprese, e di costituire un presidio sanitario all’interno dell’area portuale.

Da parte della Regione, poi, è arrivata la promessa dell’imminente avvio di corsi di formazione, già finanziati, finalizzati ad aumentare la formazione del persone, da affiancare a un ulteriore percorso di confronto con le organizzazioni sindacali. La costituzione di un tavolo di lavoro ad hoc, possibilmente permanente, è stata indicata come indispensabile da tutti i partecipanti all’incontro, che si è concluso con l’impegno, da parte degli enti competenti, a effettuare più approfondite verifiche e riflessioni sulle procedure attuali per prevenire e contrastare gli infortuni sul lavoro.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza sul lavoro, corsi di formazione e presidio medico in porto tra le proposte per aumentarla

GenovaToday è in caricamento