Produce carburante con oli esausti, nelle proprietà quasi 2mila litri di sostanze infiammabili

Nuovamente denunciato un 50enne di Sori, che sfruttava liquidi sequestrati nel 2016 per la produzione "artigianale"

Produceva illegalmente carburante mescolando benzina e gasolio agli oli esausti che, dopo essere stati sequestrati, gli erano stati affidati in custodia, ma è stato scoperto dai carabinieri Forestali, che hanno proceduto a un nuovo sequestro.

Succede a Sori, dove gli uomini del Nucleo Investigativo Polizia Ambientale  e Forestale dei carabinieri, insieme con i colleghi della stazione di Rapallo, hanno effettuato un controllo su un lotto di sostanze sottoposte a sequestro giudiziario nel 2016, grandi quantitativi di miscele di oli vegetali che avrebbero dovuto essere custoditi da un 50enne del luogo, denunciato in stato di libertà.

Dai controlli è emerso che mancavano oltre 100 litri di materiale sequestrato, e che nel frattempo l’indagato aveva continuato a raccoglierlo arrivando a stoccare altri 700 litri di oli esausti per miscelarli e produrre carburante.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I militari hanno quindi sequestrato nuovamente l’intera quantità di sostanza presenti della proprietà, pari a un totale di circa 1.900 litri di sostanze infiammabili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Basilico in esubero per chiusura ristoranti, le aziende agricole organizzano la consegna a domicilio

  • Coronavirus: la curva rallenta, ma i contagiati sono oltre 2.000 e i morti 254

  • Coronavirus, i numeri tornano a crescere in Liguria: 2.226 i positivi, 26 nuovi decessi

  • Coronavirus: lieve calo dei nuovi casi dopo tre giornate nere, i morti sono 231

  • Coronavirus, la foto della speranza: intubata per 7 giorni, 27enne migliora e si risveglia

  • Coronavirus, ecco il nuovo modulo di auto-certificazione per gli spostamenti

Torna su
GenovaToday è in caricamento