menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scuole e asili, disagi in vista per lo sciopero generale

Proclamato da Usi e Slai Cobas, coinvolge tutti i lavoratori e le lavoratrici del settore pubblico e privato, che incroceranno le braccia il 25 novembre

Braccia incrociate in tutta Italia venerdì 25 novembre per protestare contro “i tagli, le mancate assunzioni in ruolo e aumento dei carichi di lavoro, la violenza sulle donne e i blocchi dei contratti nazionali di lavoro”.

Lo sciopero generale, proclamato da Usi - Unione Sindacale Italiana - e Slai Cobas (il Sindacato di Classe), coinvolge “tutti i settori lavorativi pubblici, privati e cooperativi, e tutti i lavoratori  e le lavoratrice a tempo indeterminato, a tempo determinato, con contratti precari e atipici”, per l’intera giornata del 25 novembre.

L’astensione è stata proclamate nel rispetto della disciplina dei servizi pubblici essenziali, ma Tursi fa sapere che nelle scuole e nei nidi d’infanzia comunali potrebbero verificarsi dei disservizi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Si presenta di notte all'hub per il vaccino, ma trova chiuso

Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Coprifuoco, da metà maggio atteso un allentamento

  • Cronaca

    Incendio nella notte a Ceranesi, due persone in ospedale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento