menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Santa Margherita, chiede a una donna di mettere la mascherina: vigile aggredito

È successo sulla strada che porta a Portofino, dove stava passeggiando con il marito. Gli agenti li hanno fermati due volte, la seconda hanno staccato la sanzione ed è scattata la reazione

Stava passeggiando col marito sulla strada che da Santa Margherita Ligure porta a Portofino, senza mascherina, e quando è stata ripresa da un agente della polizia Locale lo ha aggredito.

Protagonista della vicenda una turista lombarda, che sabato pomeriggio è stata sanzionata per il mancato rispetto delle norme anti coronavirus e anche denunciata per lesioni e per essersi rifiutata di fornire i documenti alle autorità.

La donna è stata avvistata nel corso dei controlli finalizzati proprio al rispetto delle norme anti contagio. Due agenti della Locale hanno fermato la coppia, residente in Lombardia, per due volte, chiedendo di indossare la mascherina. Al rifiuto, hanno staccato una sanzione da 400 euro ciascuno, così come previsto per legge, e la donna a quel punto ha reagito colpendo al viso uno dei due operatori e ferendolo a un occhio. 

«Esprimo solidarietà all’agente ferito e gli auguro una pronta guarigione - ha detto il sindaco Paolo Donadoni - la Polizia Locale, in coordinamento con le forze dell’ordine, in questi mesi di emergenza sanitaria ha svolto un compito complesso sia per l’impegno richiesto sia per le modalità di intervento, lavoro che viene apprezzato anche dai cittadini e che verrà intensificato in questi mesi. Ringrazio il comandante Luigi Penna, il vicecomandante Laura Adami e tutti gli agenti della nostra Polizia Locale per il lavoro svolto».

«Il personale della Polizia Locale di Santa Margherita Ligure, prosegue le attività di controllo del rispetto delle normative di contenimento dell'epidemia da Covid - ha aggiunto il comandante Penna - Si ricorda che l'ordinanza Sindacale che obbliga l'utilizzo delle mascherine in centro storico nei luoghi aperti al pubblico, stazioni, luoghi di attesa di trasporto pubblico, o luoghi pubblici (scuole comprese), è valida fino al 31 gennaio 2021 data di proroga dell’emergenza. Solo nel mese di settembre sono stati controllati 195 attività commerciali e 851 le persone controllate».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Liguria in zona arancione con i nuovi parametri: cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento