menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sampierdarena, lite tra ex degenera in rissa: calci, pugni e bottigliate

Ennesimo episodio di violenza nel quartiere, questa volta in via Dottesio, dove un residente ha ripreso tutto. Coinvolti anche i parenti di uno dei due giovani, provvidenziale l'intervento della polizia

Ennesima rissa fuori da un locale notturno di Sampierdarena, per la precisione in via Dottesio, dove i parenti di una giovane di origini ecuadoriane hanno tentato di aggredire un connazionale di 30 anni, suo ex fidanzato.

Tutto è iniziato poco dopo l’una all’interno del locale, davanti agli occhi dei titolari, anche loro di origini ecuadoriane, che dopo avere visto i due ex litigare hanno tentato di dividerli e di farli uscire all’esterno. Alla lite si sono rapidamente uniti anche alcuni parenti della ragazza, anche loro presenti all’interno del bar, che nel caos hanno colpito con calci e pugni il titolare e strattonato la moglie nel tentativo di raggiungere il trentenne.

Con non poche difficoltà, i due proprietari sono riusciti a far uscire i familiari furiosi lasciando restare all’interno il ragazzo, ma una volta fuori quattro persone, due uomini e due donne tutti tra i 20 e i 44 anni, si sono armati di cocci di bottiglia e hanno incominciato a tempestare di calci e pugni la porta del locale cercando di entrare. I titolari hanno quindi chiamato il 113, per poi far uscire anche il ragazzo e abbassare la saracinesca.

Prima che la rissa degenerasse nel sangue, sul posto sono arrivate le Volanti, e gli agenti sono riusciti, seppure con difficoltà, a intervenire prima che il ragazzo venisse linciato. Il bilancio finale della movimentata serata è stata di quattro denunce per porto d’armi e oggetti a offendere, danneggiamento in concorso, lesioni e resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, e di due feriti, la proprietaria del locale e il figlio, che hanno annunciato l’intenzione di farsi visitare al pronto soccorso.

A fare maggiormente le spese di quanto accaduto, però, sono stati ancora una volta i residenti di Sampierdarena, loro malgrado ormai abituati a episodi di questo genere, nuovamente svegliati nel cuore della notte da urla e rumori di lotta. Il clima è talmente rassegnato che in molti hanno deciso di testimoniare in prima persona quando succede nel loro quartiere, scattando foto e girando video da condividere sui social network e con le autorità per chiedere interventi concreti. L’ultimo a farlo è stato proprio un residente di via Dottesio, che dalla finestra di casa sua ha ripreso con lo smartphone tutta la rissa postandola poi su YouTube (nella foto, un fotogramma del video di Luigi Giordano) per mostrare quanto è diventata critica la situazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, Toti: «Riaperture dal 20 aprile, ci sono le condizioni»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento