menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Un treno in via Buranello", writer e street artist per cambiare il volto di Sampierdarena

Promosso dal Teatro dell'Archivolto e dall'Accademia Ligustica di Belle Arti in collaborazione con le associazioni di quartiere, il concorso nazionale vedrà gli artisti all'opera con pennelli e colori sulle serrande della via

Un treno colorato che viaggi in via Buranello, a Sampierarena, per arrestare e ravvivare il grigiore di una strada fondamentale per il quartiere, in cui sempre più saracinesche scendono per non risalire più: è questo il risultato che gli organizzatori del concorso nazionale “Un treno in via Buranello - Sguardo del finestrino” vogliono ottenere chiamando a raccolta giovani writer e street artist da tutta Italia che vogliano mettersi alla prova in un contesto urbano tanto difficile quanto stimolante.

Promosso dal Teatro dell’Archivolto e dall’Accademia Ligustica di Belle Arti, in collaborazione con Ferrovie dello Stato, l’associazione Sampierdarena e le donne, il Municipio e il Civ Buranello, il concorso è infalizzato a riqualificare l’area e restituirla ai residenti attraverso l’arte e il colore: soggetto cui dovranno dedicarsi i partecipanti sarà un treno, da disegnare sulle serrande della via lato ferrovia, proprio sotto a dove passano ogni giorno i veri treni.

“Rappresentare un vagone ferroviario e della vista dal finestrino, con riferimenti al mondo della fantasia, del teatro e della rappresentazione urbana”, questa la richiesta ufficiale inserita nel bando, cui possono partecipare singoli artisti o gruppi indipendenti, tutti maggiorenni, che potranno scegliere liberamente il numero di saracinesche da dipingere: le domande possono essere presentate entro il 15 ottobre (per posta o a mano) all’Accademia Linguistica di Belle Arti, e i candidati verranno valutati e selezionati da una guerra composta da esperti, critici d’arte e rappresentanti delle associazioni che hanno promosso l’iniziativa.

Una volta selezionati gli artisti, sarà il momento di impugnare pennelli e colori (o qualsiasi altro strumento preferito per esprimere la propria arte) e darsi da fare: l’opera verrà realizzata dal 10 novembre al 10 dicembre, un intero mese a disposizione per cambiare faccia a via Buranello e scacciare il grigiore e il senso di abbandono che i residenti percepiscono quando si ritrovano a passeggiare in una delle vie più trafficare del loro quartiere. La speranza è che il tema ispiri i candidati a dare spazio alla fantasia e alla creatività, trasformando le serrande in finestre sulle bellezze della Superba e non solo.

Si tratta di una delle tante iniziative di questo genere organizzate negli ultimi tempi in città: una cosa simile è stata già realizzata sui piloni della Sopraelevata nell’ambito del progetto “Walk the Line” (ancora in fase di realizzazione) firmato da Page Arte Pubblica, che ha chiamato a raccolta 100 visual artist incaricati di riprodurre sul pilone che è stato loro affidato il proprio soggetto preferito e trasformare i 3 km della strada Aldo Moro in una galleria a cielo aperto.

Per informazioni sul bando, ecco il link al sito del concorso

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, Toti: «Riaperture dal 20 aprile, ci sono le condizioni»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento