Cronaca San Fruttuoso / Via Giovanni Torti

Paura in banca: colpo gobbo per Joker e la sua banda

La polizia sta cercando i quattro italiani più un complice, che hanno messo a segno una rapina da 60 mila euro presso la filiale del Banco di Chiavari in via Torti. I banditi avevano il volto coperto da maschere, uno con quella di Joker di Batman

Gli inquirenti sono al lavoro per tentare di rintracciare i banditi che ieri pomeriggio hanno assaltato la filiale del Banco di Chiavari in via Torti a San Fruttuoso. I malviventi hanno sequestrato due dipendenti e una donna di 39 anni, legati con delle fascette di plastica e rinchiusi in un bagno.

Nel frattempo al piano di sopra hanno atteso, in compagnia di un cassiere, l'apertura della cassaforte a tempo. Al momento del colpo la banca aveva appena chiuso. Erano da poco passate le 16.

Per entrare all'interno, la banda ha utilizzato un'intercapedine, che corre attorno alla banca, il cui accesso è delimitato da un cancelletto verde, chiuso con un piccolo lucchetto. Evidentemente i malviventi conoscevano bene l'edificio: hanno evitato l'ingresso principale sulla trafficata via Torti e, vestiti da operai con delle cappe scure e attrezzati con dei picconi, si sono intrufolati dal cancelletto da via San Fruttuoso e hanno sfondato un muro.

Con il volto coperto da maschere, uno con quella di Joker di Batman, armati di pistola, non si sa ancora se vera o finta, hanno braccato la 39enne e i due dipendenti e li hanno sequestrati. Poi, in attesa dell'apertura della cassaforte, i malviventi hanno dovuto far fronte anche a un piccolo imprevisto.

La freddezza con cui hanno gestito la situazione dimostra come probabilmente si tratti di professionisti. La figlia della vicedirettrice ha chiamato per dire di essere rimasta chiusa fuori. I rapinatori hanno dato il telefono all'interessata, la quale ha risposto di essere impegnata al momento, invitando la figlia a tornare più tardi.

Quando la cassaforte si è aperta e dopo aver arraffato un bottino da circa 60 mila euro, uno dei banditi ha fatto una telefonata, probabilmente a un complice che li attendeva in strada, dicendo «la ragazza ha appena preso l'autobus». Era il segnale di tenersi pronti per la fuga.

Dai rilievi degli agenti pare che i quattro siano fuggiti, facendo a ritroso il percorso dell'andata. Il complice deve averli attesi nei pressi del cancelletto in via San Fruttuoso, oppure lì accanto in via Marina di Robilant, a pochi metri dal commissariato di polizia.

Gli agenti stanno ora cercando una banda di italiani, meridionali a quanto emerge dal loro accento. Al momento gli elementi che è possibile rendere noti sono solo questi, per evitare di compromettere le indagini. La banca era stata appena ristrutturata e i rapinatori hanno dimostrato di conoscere bene il palazzo. Forse proprio mettendo insieme questi due elementi è possibile trovare una pista.

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paura in banca: colpo gobbo per Joker e la sua banda

GenovaToday è in caricamento