Maxi sequestro in porto, intercettati 3.000 taser diretti in Libia

Le pistole a scarica elettrica sono state scoperte dalla Guardia di Finanza durante un controllo su un container proveniente dal Sudafrica. Indagini sono in coso per tracciarne gli spostamenti

Maxi sequestro di armi nel porto di Genova, dove la Guardia di Finanza ha scoperto in un container circa 3.000 taser, pistole a scarica elettrica in grado di neutralizzare una persona in pochi secondi, dirette verso la Libia.

Il controllo è scattato ieri pomeriggio, quando il container è arrivato nello scalo genovese dal Sudafrica. I primi accertamenti hanno confermato che le armi erano dirette in Libia, violando così le norme internazionali, ed è stato quindi predisposto il sequestro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Indagini sono in corso per tracciare l’esatta provenienza del container e i destinatari delle armi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Basilico in esubero per chiusura ristoranti, le aziende agricole organizzano la consegna a domicilio

  • Coronavirus: la curva rallenta, ma i contagiati sono oltre 2.000 e i morti 254

  • Coronavirus, i numeri tornano a crescere in Liguria: 2.226 i positivi, 26 nuovi decessi

  • Coronavirus: lieve calo dei nuovi casi dopo tre giornate nere, i morti sono 231

  • Coronavirus, la foto della speranza: intubata per 7 giorni, 27enne migliora e si risveglia

  • Genova, tutte le attività commerciali che sono aperte e che fanno consegna a domicilio

Torna su
GenovaToday è in caricamento