Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca

Amianto e pensioni, Ansaldo Energia condannata a risarcire Inps. Assolti i dirigenti Inail

Si chiude con una doppia condanna e una doppia assoluzione il processo sui benefici accordati ai lavoratori dell'azienda sulla base di certificazioni fasulle

Doppia condanna e doppia assoluzione nel processo sulle false certificazioni per le pensioni da amianto in Ansaldo Energia: il giudice Silvia Carpanini ha condannato a un anno e un mese di reclusione Angelo Michelini, capo reparto dell’azienda, e la stessa azienda, considerata responsabile civile, a risarcire il danno all’Inps, mentre ha assolto dall’accusa di truffa Pietro Pastorino, ex direttore del'ufficio provinciale di Inail, e la collega Cinzia Rotella.

Secondo la tesi del pubblico ministero Luca Scorza Azzarà, accolta dal giudice, Michelini avrebbe certificato il falso a Inail sostenendo che alcuni dipendenti dell’azienda avrebbero lavorato in altri settori oltre alle macchine utensili, tutto al fine di fargli avere i benefici pensionistici relativi all’esposizione ad amianto. L’accusa si era estesa anche a Pastorino e a Rotella, che per il pm avevano approvato la richiesta consapevoli della falsità della certificazione. Il danno stimato a Inps è di circa 36 milioni di euro in pensioni e indennizzi non dovuti.

Per il giudice, però, sia Pastorino (difeso dall’avvocato Simone Vernazza), sia Rotella (difesa dagli avvocati Avicoli e Robustelli) avrebbero agito in buona fede, e non sarebbero dunque colpevoli. Rimangono tutte valide invece le pensioni accordate ai 12 lavoratori coinvolti nel processo, che in udienza preliminare erano stati assolti per mancanza di dolo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amianto e pensioni, Ansaldo Energia condannata a risarcire Inps. Assolti i dirigenti Inail

GenovaToday è in caricamento