menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gli alunni della Parini-Merello in classe con l'ombrello, la protesta a Tursi

Le forti piogge dell'ottobre 2014 hanno messo fuori uso la palestra e parte dell'auditorium dell'istituto, mentre le classi fanno i conti con le infiltrazioni. Ma il Comune rassicura: «Pronti 130mila euro per gli interventi»

E’ trascorso un anno da quando la pioggia torrenziale che si è abbattuta sul capoluogo ligure nell’ottobre del 2014, oltre a causare un’alluvione in cui ha perso la vita una persona, ha danneggiato la copertura del complesso che ospita la scuola media Parini-Merello di corso Galilei, a San Fruttuoso, e ancora nulla è stato fatto per ripristinarla. 

Una situazione diventata intollerabile per alunni e personale della scuola, che a ogni ondata di maltempo devono fare i conti con le infiltrazioni: con la palestra inagibile ormai da mesi, l’auditorium danneggiato, le classi praticamente allagate a ogni temporale e l’autunno e le sue piogge ormai arrivato, per i genitori degli studenti è arrivato il momento di protestare. Ed è per questo che un piccolo gruppo di manifestanti si è dato appuntamento davanti alla sede del Comune, in corso Garibaldi, per protestare - ovviamente con gli ombrelli bene aperti - e chiedere un intervento immediato.

La questione è approdata in consiglio comunale, con l’assessore allo Sport e alle Politiche giovanili, Pino Boero, che ha assicurato a studenti, genitori e personale della scuola che «abbiamo effettuato l’ultimo sopralluogo il 21 settembre. In precedenza i tecnici hanno visitato i locali. Abbiamo predisposto un piano di interventi che dovrebbero essere partiti in questi giorni».

Per la messa in sicurezza e il ripristino della struttura, inoltre, sarebbero già disponibili 130mila euro, “congelati” in attesa di essere stralciata dal finanziamento predisposto per un’altra scuola e utilizzabili solo con un decreto ministeriale: «Stiamo aspettando che il ministero provveda. Il solaio non risulta pericolante, ma per prudenza intendiamo abbatterlo. Bisogna però attendere l’asciugatura. Il Municipio sta già provvedendo alla posa di pesanti teli a protezione, e si interverrà anche sui pluviali e sui canali di scolo».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Vaccini covid, Astrazeneca per le persone tra 60 e 79 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento