rotate-mobile
Cronaca Prà / Via Cravasco

Anche via Cravasco ha il suo muro di libera espressione per writer

I primi a prendere la bomboletta in mano sono stati Jori Gioia e Rois One: scritte e panorami colorati adesso rimarranno sui muri dei giardini per un mese

Un altro 'muro di libera espressione' arriva a ponente, il secondo al Cep: il comitato di quartiere di via Cravasco ha annunciato l'avvio di questo progetto che consente a tutti di poter disegnare liberamente sulle pareti di uno spazio circoscritto e concordato.

"Chiunque può venire a disegnare - spiegano i membri del comitato - l'unica regola è non colorare sopra a quelli esistenti a meno che non sia passato un mese dalla loro realizzazione. Per il resto ognuno è libero di disegnare a proprio piacimento. Senza dimenticare, quando si termina, si mettere la data di realizzazione".

Il percorso è stato intrapreso con gli artisti Drina A12 e Giuliogol - molto conosciuti nel ponente genovese - e con il Consorzio Pianacci, allacciandosi al patto di collaborazione stipulato in precedenza per i muri del parcheggione di via Novella. 

I primi a prendere la bomboletta in mano in via Cravasco sono stati Jori Gioia e Rois One: scritte e panorami colorati adesso rimarranno sui muri dei giardini per un mese, dopodiché potranno essere coperti per ricominciare da capo.

I muri di libera espressione nascono per insegnare a tutti - specie ai giovanissimi - che i graffiti possono non essere obbligatoriamente un percorso illegale: in questo caso vengono fornite le superfici per i murales, dando la possibilità agli artisti di agire legalmente in luoghi deputati per farlo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche via Cravasco ha il suo muro di libera espressione per writer

GenovaToday è in caricamento