Cronaca

Sicurezza in città: 40 nuovi vigili e varchi per rilevare le targhe

Pronto il concorso per l'assunzione di nuovo personale per il corpo della Municipale. L'assessorato alla Legalità lavora anche a una nuova tipologia di videosorveglianza tramite alert

Il piano dovrebbe arrivare sul tavolo del prefetto Fiamma Spena a giorni: un progetto che prevede l’installazione di una serie di “varchi di accesso” in punti strategici della città, in grado di rilevare le targhe dei veicoli in transito e di segnalare quelli inseriti sulle cosiddette “black list” per motivi di sicurezza. A questo provvedimento si aggiungerà l’assunzione di 40 nuovi agenti della Municipale entro la fine del 2018, nuove forze che andranno a potenziare i controlli soprattutto in zone come il centro storico, Sampierdarena e le periferie.

Sono queste le due principali direzioni su cui sta lavorando l’assessorato alla Legalità del Comune di Genova, come confermato dall’assessore Stefano Garassino e dal nuovo comandante della polizia Locale, Gianluca Giurato: un doppio investimento su territorio e organico che, nelle intenzioni dell’amministrazione, dovrebbe contribuire ad aumentare il senso di sicurezza percepito dai genovesi.

Entro il 2018 40 nuove assunzioni per la Municipale

«A oggi l’età media dei nostri agenti è di 55 anni: abbiamo in servizio 870 vigili, 450 dei quali impiegati sulle strade, 420 negli uffici - ha spiegato Garassino a Genova Today - L’ideale sarebbe una proporzione di 60-40, con la maggioranza delle forze impiegate sul territorio. Ma sarà possibile farlo soltanto assumendo nuovo personale: il bando è in preparazione, e le assunzioni coincideranno con il pensionamento degli agenti più anziani. Entro la fine del 2018 ne andranno in pensione 16, rapidamente reintegrati con i primi assunti dal concorso, che fungerà poi da graduatoria: nei prossimi anni vi attingeremo ogni qualvolta sarà possibile assumere».

Il bando del concorso, come detto, verrà pubblicato nei prossimi mesi, idealmente a fine estate, e le prime assunzioni arriveranno entro la fine dell’anno. Nel frattempo, gli assessorati alla Legalità e alla Mobilità stanno lavorando al progetto dei varchi di accesso attingendo ai fondi per la mobilità: l’idea è quella di posizionare una serie di portali, 26 telecamere disseminate nei punti di maggiore passaggio e di ingresso in città, che funzioneranno proprio come il tutor leggendo le targhe dei veicoli che vi transitano. Il sistema sarà quindi in grado di individuare e segnalare con un alert il passaggio di auto, furgoni o scooter inseriti in speciali “black list”, in cui vengono elencati veicoli potenziali fonti di rischio.

Varchi d’accesso per rilevare veicoli a rischio

«Le telecamere verranno posizionate in diverse zone della città, da Voltri a Molassana passando per la Valpolcevera, Nervi e corso Aurelio Saffi - ha confermato Garassino - L’obiettivo è individuare veicoli con targhe rubate, o segnalate in ambito di contrasto alla criminalità e al terrorismo. Si tratta di uno strumento fortemente voluto dalle prefetture, soprattutto a Genova, dove ricordiamo abbiamo un terminal traghetti collegato con molti paesi considerati a rischio».

Il progetto è già stato tratteggiato è aspetta soltanto l’ok della Prefettura per diventare operativo: una volta approvato, al Comune spetterà il compito di individuare le aziende interessate a fornire il materiale con un bando pubblico.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza in città: 40 nuovi vigili e varchi per rilevare le targhe

GenovaToday è in caricamento