Marassi, scende di corsa dal bus con 5 etti di droga nel borsello

Il giovane, identificato in un colombiano 28enne con diversi precedenti, anche specifici, è stato arrestato e trasferito nel carcere di Marassi

Nell'ambito di un servizio coordinato, eseguito dai carabinieri, è stato disposto anche un servizio antiborseggio sulle principali linee cittadine, specie quelle maggiormente frequentate da turisti e pendolari, mediante l'impiego di militari in borghese, mischiati fra i passeggeri.

Su uno di questi autobus, nei pressi della zona dello stadio di Marassi, i militari dell'Arma hanno notato un cittadino straniero scendere dal mezzo in modo repentino e convulso, facendosi largo tra i passeggeri per raggiungere velocemente l'uscita. Inizialmente i carabinieri hanno ricondotto l'atteggiamento al fatto che sul bus fossero saliti i controllori dell'Amt e l'uomo, senza biglietto, temesse di essere sanzionato. Lo stato di agitazione è però apparso sproporzionato rispetto alla situazione, soprattutto allorquando, raggiunto e bloccato dai carabinieri per gli accertamenti del caso, l'uomo ha tradito un forte nervosismo provando a disfarsi del borsello che aveva al seguito.

A quel punto i carabinieri hanno capito che l'agitazione non era conseguente al timore di ricevere una multa, bensì scaturiva dalla paura che durante le loro verifiche i controllori dell'Amt potessero in qualche modo scoprire la droga contenuta nel borsello: all'interno, infatti, i carabinieri hanno rinvenuto mezzo chilogrammo di hashish.

Il giovane, identificato in un colombiano 28enne con diversi precedenti, anche specifici, è stato arrestato e trasferito nel carcere di Marassi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto in via Siffredi, muore 27enne

  • Tragico malore sul bus, muore 38enne

  • Scalinata Borghese restituita alla città: ecco com'è diventata

  • Schianto in via Siffredi, il giallo sulla morte di Burim

  • Addio a Giovanni Filocamo, è morto il "matematico curioso"

  • Le "meraviglie" di Alberto Angela, cosa si è visto

Torna su
GenovaToday è in caricamento