menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Manin, il ponte "liberato" dalle impalcature. I residenti: «Non ci speravamo più»

Dopo anni è finalmente terminata la ristrutturazione del ponte che collega largo Giardino a piazza Manin, tornato all'antico splendore

Ci sono voluti anni, ma alla fine il ponte di piazza Manin si è finalmente “spogliato” delle impalcature, con grande sorpresa - ed entusiasmo - dei residenti che non ricordavano ormai nemmeno più come fosse senza.

Il ponte che collega largo Giardino a Manin era stato “ingabbiato” per motivi di sicurezza dopo la caduta di intonaco e calcinacci sull’asfalto, ma una volta aperto, il cantiere era rimasto praticamente immobile per anni, forse in attesa dei fondi necessari per ultimare i lavori di ristrutturazione: «I tempi sono lunghi perché c'è un vincolo della Soprintendenza», aveva spiegato l'assessore ai Lavori Pubblici, Gianni Crivello, rispondendo a un'interrogazione presentata in consiglio Comunale. E proprio quando i residenti avevano perso le speranze, abituati a considerare le impalcature come parte integrante del panorama urbano, i lavori sono inaspettatamente terminati.

«Ci sono passata per anni, ormai ero abituata a vederlo così. E’ stato quasi uno choc», è soltanto uno dei commenti a corredo di uno scatto postato sulla pagina Facebook ‘Sei di Castelletto se…”, dove i residenti del quartiere hanno condiviso stupore ed entusiasmo nell’osservare le volte completamente restaurate. E adesso il timore è che «duri poco», soprattutto alla luce del tempo che è stato necessario per riavere il ponte originale. Intanto però ci si gode il successo, e anche la possibilità di passarvi sotto più agevolmente, senza le impalcature a intralciare il passaggio. E lo sguardo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, Toti: «Riaperture dal 20 aprile, ci sono le condizioni»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento