Blitz contro la festa dei giovani della Lega, il viceministro Rixi scortato dalla Digos

È successo mercoledì notte in un ristorante di Fossatello, in occasione dei festeggiamenti con i giovani del partito. Doppio il blitz dei contestatori, che hanno costretto i partecipanti a chiamare la polizia

Scortati fuori dal ristorante dalla polizia: si è conclusa così la serata per Edoardo Rixi, viceministro alle Infrastrutture, e per Paola Bordilli e Andrea Carratù, rispettivamente assessore al Commercio e presidente del Municipio Centro Est, che mercoledì sera hanno partecipato alla cena dei giovani della Lega finendo al centro di una contestazione al partito.

La prima contestazione è andata in scena intorno alle 21.30, a cena appena iniziata, in un ristorante in zona Fossatello: all’interno del locale sono entrati tre uomini che hanno minacciato i partecipanti e insultato il titolare per avere ospitato la festa. All’esterno altre 3-4 persone, che si sono poi dileguate alla prima chiamata alla polizia strappando e portando con loro la bandiera della Lega.

La cena è continuata, ma intorno a mezzanotte e mezza i contestatori si sono nuovamente presentati al ristorante, questa volta più numerosi - almeno una ventina, si apprende - e sono rimasti fuori dal ristorante a protestare con cartelli . Alla fine Rixi, Bordilli e altri esponenti del partito sono stati scortati fuori dal locale dagli agenti della Digos e delle volanti, che adesso indagano per risalire all’identità dei partecipanti al blitz.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La polizia è dovuta intervenire con diverse volanti perché siamo rimasti "ostaggio" di questi personaggi che impedivano le persone dentro al locale di uscire tranquillamente - scrive in una nota il coordinamento Giovani Leghisti Genova - Un atteggiamento che troviamo deplorevole e vergognoso, i soliti facinorosi che non accettano idee diverse dalle loro, e portano avanti le loro con atteggiamenti intimidatori e antidemocratici».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Derubato tre volte in una notte, l'ultimo ladro lo abbraccia per 'consolarlo'

  • Autostrade, concluse le ispezioni nelle gallerie; diventano gratis 150 km

  • Lite fra sorelle, la polizia scopre piante di marijuana nell'orto

  • Previsioni traffico estate 2020, un solo giorno da bollino nero

  • Inaugurato il nuovo ponte, fra «orgoglio e commozione»

  • Investita mentre attraversa la strada, grave anche il conducente dello scooter

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento