Cronaca

Merce non pagata, tre arresti

Tre arresti, ieri, per merce non pagata: due alla Decathlon di Campi, e uno alla Fiumara. Il bottino degli aspiranti ladri? Due paia di scarpe e più di 400 euro in profumi

Sono stati tre gli arresti a Genova, ieri, per merce non pagata.

Il primo intervento è della volante del Commissariato di Polizia Statale di Cornigliano ed è avvenuto alle ore 12.50, alla Decathlon di Campi. Due 36enni hanno scelto accuratamente un paio di scarpe da ginnastica a testa e si sono chiusi in un camerino. Dopo aver rotto le placche antitaccheggio e rimosso l’etichette, uno le ha indossate, l’altro le ha nascoste all’interno del giubbotto. I movimenti sospetti dei due non sono passati inosservati all’addetto alla sorveglianza che li ha seguiti e fermati una volta oltrepassate le casse. Le placche e le etichette sono state rinvenute all’interno del camerino utilizzato dai taccheggiatori che all’arrivo della Polizia avevano ancora le dita delle mani macchiate dall’inchiostro fuoriuscito dalla rottura del dispositivo antifurto. La merce, del valore di circa 131 euro, è stata restituita al responsabile del negozio e i due, già noti alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio, sono stati arrestati per furto aggravato. Prevista per stamattina la direttissima.

Il secondo intervento è è avvenuto alle 15.50 presso una profumeria del centro commerciale “Fiumara”. Una cittadina di 22 anni ha cercato di oltrepassare le barriere antitaccheggio con un bottino di circa 443 euro in profumi nascosti nella sua borsa. Gli agenti intervenuti hanno verificato che la borsa della donna era stata schermata ma qualcosa non aveva funzionato, infatti uno dei dispositivi antitaccheggio dei profumi aveva comunque fatto scattare l’allarme.

La 22enne è stata arrestata per furto aggravato. Anche per lei è prevista la direttissima stamattina.   

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Merce non pagata, tre arresti

GenovaToday è in caricamento