rotate-mobile
Cronaca

Ultras di nuovo in carcere, il suo avvocato: "Nessuna latitanza"

Ancora guai per un quarantenne, molto noto tra la tifoseria rossoblù. Il suo rientro in Italia era stato concordato con la questura, poi il volo è stato dirottato per maltempo a Pisa, dove è stato arrestato e portato in carcere

La notizia si è diffusa in fretta tra i frequentatori della gradinata. L'arresto di D. M. è presto passato di bocca in bocca, da uno smartphone all'altro. Quali sono le sue responsabilità in questa storia lo accerterà la procura. Per il momento quello che è certo è che non si trova più in libertà, ma in carcere.

Quando la polizia si è presentata a casa sua per arrestarlo, non lo ha trovato, ma ha scovato in un garage diversi chilogrammi di droga tra hashish e marijuana. Il quarantenne, secondo quanto riferisce uno dei suoi avvocati, Mauro Casu (l'altro è Stefano Sambugaro), ha appreso dell'esistenza dell'ordinanza di arresto a suo carico mentre si trovava in vacanza all'estero e ha organizzato il rientro per consegnarsi alle autorità, previo contatto con la questura di Genova.

Il quarantenne è stato arrestato presso l'aeroporto di Pisa dove è stato fatto atterrare, causa maltempo, un volo in realtà diretto a Genova e si trova tutt'oggi ristretto nel carcere di Pisa. L'imputazione a carico dell'uomo è di aver partecipato, nella qualità di acquirente di ingenti quantitativi di droga leggera, a un'associazione finalizzata al traffico di sostanza stupefacente, in relazione alla quale tutti gli altri indagati risultano essere già sottoposti a misura cautelare.

La droga sequestrata verrà prossimamente analizzata dalle competenti autorità al fine di comprenderne l'effettivo valore ponderale. In attesa, D. M. resta in cella.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ultras di nuovo in carcere, il suo avvocato: "Nessuna latitanza"

GenovaToday è in caricamento