menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Esami e pap-test a spese dell'ospedale, dottoressa condannata

La donna, in servizio al San Martino dal gennaio 2008 al giugno 2009, dovrà pagare un risarcimento di oltre 55mila euro per avere sfruttato attrezzature e laboratori della struttura per fini privati

Esami privati a spese dell’ospedale: con quest’accusa, i giudici della Corte dei Conti hanno condannato un’ex dottoressa del San Martino al pagamento di 57mila euro a titolo di risarcimento verso la struttura cittadina.

La Procura contabile ha contestato alla donna di avere sfruttato strutture, attrezzature e laboratori dell’ospedale pubblico per portare a termine numerosi esami privati di laboratorio, soprattutto pap-test, il tutto durante l’orario di lavoro, nonostante il rapporto esclusivo che la legava alla struttura. I fatti risalgono al periodo che va da gennaio 2008 a giugno 2009, quando la dottoressa prestava servizio nel reparto di Anatomia patologica.

A portare a termine le indagini, nell’ambito di un’inchiesta ad ampio raggio che ha coinvolto diversi medici del San Martino, sono stati i carabinieri del Nas, che hanno accertato lo svolgimento di oltre 1300 pap-test sequestrando i vetrini e intercettando diverse telefonate in cui l’illecito veniva di fatto ammesso. Da qui il verdetto di condanna da parte della Conte dei Conti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento