Incendio boschivo a Cogorno, indagato pensionato del posto

Il rogo risale al 12 gennaio 2019. Ora i carabinieri hanno notificato a un abitante della zona l'avviso di conclusione indagini

Dopo venti mesi dai fatti, la Procura della Repubblica di Genova ha chiuso le indagini sull'incendio boschivo doloso scoppiato sul monte Carnella di Paggi, nel comune di Cogorno, il 12 gennaio 2019 e ha formalmente accusato del rogo un abitante del posto.

Scoppiato l'incendio, le indagini erano state subito avviate dai carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Genova e avevano permesso, già nelle prime fasi, di stringere il cerchio intorno a un anziano che abita poco distante dal punto d'innesco. Nonostante costui si sia mosso al buio e a piedi per tracciati secondari, gli elementi raccolti hanno indotto l'autorità giudiziaria a indagarlo formalmente, passo immediatamente precedente alla richiesta di rinvio a giudizio.

Negli ultimi anni l’attenzione investigativa sul fenomeno degli incendi boschivi dolosi in provincia di Genova, ha permesso di identificare diciotto incendiari, tutti segnalati all'autorità giudiziaria. Le attività più recenti hanno permesso di arrestare un minorenne nel 2019 e portato a condanne pesanti comminate dal Tribunale di Genova, poi confermate in sede di ricorso: tre anni e mezzo di detenzione per l’incendiario di Davagna e cinque anni di detenzione con interdizione perpetua dai pubblici uffici per quello di Sori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nonostante il fenomeno degli incendi boschivi in provincia di Genova registri statisticamente un calo superiore all'80% nel numero degli eventi valutato negli ultimi 40 anni, purtroppo continuano a registrarsi da parte di alcuni atteggiamenti imprudenti, pericolosi e spesso legati purtroppo a una cultura retrograda dell'uso del fuoco. Oltre a comportare una perdita in termini ambientali immediatamente visibili per la comunità, le conseguenze dovute all'interruzione della copertura boschiva possono rivelarsi anche a breve termine particolarmente dannose a livello idrogeologico. Per questo motivo la particolare attenzione nella ricerca delle cause degli incendi boschivi da parte dei carabinieri Forestali di Genova costituisce impegno prioritario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, possibile "mini lockdown" in tutta Genova: «I contagi crescono ovunque»

  • Covid, tutta Genova diventa zona "ad alta attenzione": firmata la nuova ordinanza

  • Covid, coprifuoco a Genova dalle 21 alle 6: ecco cosa si può (e non si può) fare

  • Auto pirata travolge gruppo di giovani a Quezzi, 4 feriti gravi tra cui una ragazza incinta

  • Incidente a Quezzi, arrestato il pirata della strada

  • Coronavirus, Liguria 'chiusa' per tre notti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento