rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Cronaca Boccadasse, Genova, GE, Italia

Goliardata a Boccadasse, "lo sciatore" danneggia la passerella per disabili

ll video di un ragazzo vestito da sci che viene spinto in mare a Boccadasse è diventato virale, peccato che abbia rovinato la pedana installata dal Municipio che serve ai disabili per raggiungere il bagnasciuga

Prima le risate, poi le lacrime (di coccodrillo).

Per una "goliardata", o forse per un addio al celibato, un ragazzo è stato lanciato in mare a Boccadasse sugli sci, ma la pista utilizzata era la passerella installata dal Municipio per consentire anche ai disabili di raggiungere il bagnasciuga. La pedana è stata danneggiata e ora bisognerà intervenire per farla tornare agibile alle carrozzine. 

A denunciare l'atto vandalico è il consigliere del Municipio VIII Medio Levante, Matteo Furia, che ricopre la carica di capogruppo con delega in materia di Fragilità e Disabilità: "La passiera sulla quale queste persone incivili si divertono, credendo di essere sulla neve, è stata installata affinché le persone con problemi motori possano recarsi al mare con la propria sedia a rotelle - ha scritto sulla sua pagina Facebook - il Municipio Medio Levante è chiamato a continua manutenzione...sono senza parole!".

Sul fatto è intervenuta anche la presidente del Municipio, Anna Palmieri: "Questa passiera serve per le persone con problemi motori a recarsi con la propria sedia a rotelle al mare. Come Municipio dobbiamo fare continua manutenzione e la proloco Boccadasse e l'associazione Wall of dolls hanno obbligo di tenere aperto in estate la loro sede per i disabili se dovessero recarsi al mare e poi qualcuno si diverte così".

Chissà che i membri dell'allegra banda ora non si improvvisino manutentori per sistemare il danno fatto.

Il commento del portavoce delle famiglie con bimbi disabili

"È solo l'ennesimo gesto di superficiale indifferenza verso chi é più fragile", commenta Marco Macrì, pompiere e portavoce delle 1.200 famiglie genovesi con bimbi disabili in attesa di cure. "Mancando una legge ad hoc per chi cagiona un danno, discrimina e lede uno o più disabili ci si riferisce a norme generiche che non educano né reprimono questi ed altri atteggiamenti avvenuti negli ultimi mesi. Sarebbe un gesto di grande civiltà se i consiglieri comunali e regionali si facessero promotori di una legge per la tutela dei più fragili specifica. Occorre che chi, come i ciclisti di Vesima e questo sciatore, paghino non solo economicamente ma dedicando tempo a chi hanno cagionato un danno comprendendo così la vita di questi soggetti fragili".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Goliardata a Boccadasse, "lo sciatore" danneggia la passerella per disabili

GenovaToday è in caricamento