Al Festival della Scienza la Andrea Gallo di Genova vince il premio Non Sprecare 2011

Si è svolta venerdì 28, presso il Palazzo Ducale di Genova, nell'ambito del Festival della Scienza, la premiazione della seconda edizione del Premio "Non Sprecare”, ideato e organizzato dallo scrittore e giornalista Antonio Galdo. Per la sezione “Imprese” si è aggiudicato il primo premio il detersivo “Al Cubo”, un concetto totalmente innovativo di detergenza, che permette di risparmiare acqua, plastica e imballaggio, riducendo enormemente, di conseguenza, tutta quella rete di trasporti necessaria per spostare i prodotti dalla produzione alla distribuzione. A ritirare il premio, Francesco Gallo, giovane amministratore dell’azienda, appassionato di tutto ciò che è ambiente, sport e natura.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di GenovaToday

Si è svolta venerdì 28, presso il Palazzo Ducale di Genova, nell'ambito del Festival della Scienza, la premiazione della seconda edizione del Premio "Non Sprecare”, ideato e organizzato dallo scrittore e giornalista Antonio Galdo.

Per la sezione “Imprese” si è aggiudicato il primo premio il detersivo “Al Cubo”, un concetto totalmente innovativo di detergenza, che permette di risparmiare acqua, plastica e  imballaggio, riducendo enormemente, di conseguenza, tutta quella rete di trasporti necessaria per spostare i prodotti dalla produzione alla distribuzione. A ritirare il premio, Francesco Gallo, giovane amministratore dell’azienda, appassionato di tutto ciò che è ambiente, sport e natura. Il concorso era rivolto a persone, enti ed aziende che operano a favore di una vita ecosostenibile.

Le  idee migliori, scelte tra più di 400 pervenute, sono state selezionate e premiate da una giuria composta, oltre che dallo stesso Galdo, da Monsignor Vincenzo Paglia (arcivescovo di Terni e fondatore della Comunità di S. Egidio), Sergio Estivi (Presidente della Fondazione Catalano), Lucio Cavazzoni (Presidente della società Alce Nero&Mielizia), Cristina Gabetti (inviata di Striscia la Notizia), Lorenza Gallotti (direttore responsabile di E-gazette), Mihaela Gavrila (Università di Roma "La Sapienza", Dipartimento di Comunicazione e Ricerca sociale) e Jacopo Giliberto (inviato de Il Sole 24 Ore).

Nella Sezione "Scuola", il premio è stato assegnato alla professoressa Mirella Batini, impegnata da qualche anno a diffondere, attraverso la propria particolare attività didattica, la cultura anti spreco nelle scuole  e al Liceo Martin Luther King di Genova.
 

Nella Sezione "Associazione/Istituzione" il premio è andato al Comune di Monteveglio (Bologna), quale esempio di amministrazione sostenibile: zero petrolio a favore di pannelli solari ovunque e raccolta differenziata attorno al 75%.  

Perché ha vinto Al Cubo?  “L’acqua ce l’abbiamo tutti, perché trasportarla quando possiamo comodamente aggiungerla a casa”. (Francesco Gallo) “I detersivi per pavimenti presenti in commercio contengono almeno il 90% di acqua. Da questa constatazione è nata l’idea di Francesco Gallo, per produrre Al Cubo: formulare un detersivo in bustine idrosolubili  contenenti solo i principi attivi lavanti a cui aggiungere l’acqua una volta arrivati a casa, riutilizzando all’infinito un vecchio flacone.

E’ evidente che il non dover più trasportare i flaconi in plastica e quel 90% di acqua normalmente presente nei flaconi pieni di detersivo, vuol dire ridurre enormemente i volumi da trasportare con grandi benefici di logistica, di trasporti e quindi di impatto ambientale. In effetti il pack di Al Cubo, un cubetto da 6.5 cm (contenente 8 bustine idrosolubili), occupa un quinto dello spazio necessario a un flacone tradizionale da litro ed il suo peso e’ circa l’80% in meno.

Questo significa, ad esempio, che un camion, in grado di trasportare 120 quintali di pellicola idrosolubile –  materiale con cui si confezionano le bustine - equivale a  130 camion di flaconi vuoti e che 1 TIR di detersivo in bustine Al Cubo equivale  a 6 TIR di detersivo in flacone. In sintesi, vantaggi per la catena logistica, i trasporti, i consumi e di conseguenza per l’ambiente. E non solo, un grande regalo sia ai rivenditori, che guadagnano spazio sugli scaffali, che al consumatore, sgravato dal trasporto di un peso inutile.

Per informazioni
Andrea Gallo di Luigi s.r.l.
Tel. 010 6502941 info@alcubo.it
www.alcubo.it  - www.rifiutizero.eu      

Torna su
GenovaToday è in caricamento