Attualità Cornigliano / Via Erzelli

Cornigliano, sul pilone del Lotto 10 spunta "l’inno all’amore" dei due muralisti genovesi

Giuliogol e Drina A12, all’anagrafe Nicolino Giulio Centanaro e Grazia Buongiorno, sono gli autori del murale “We love muro zero”, dipinto in via Erzelli

Dopo avere colorato le mura del centro remiero di Pra’ con i loro “figgieu” e avere tracciato una linea tra passato e presente in vico Savignone, a Pra’, contrapponendo una serie di lavatrici a una lavandaia ai “treuggi”, i muralisti genovesi Giuliogol (all’anagrafe Nicolino Giulio Centanaro) e Drina A12 (Grazia Buongiorno) firmano un altro murale nel ponente genovese.

Stavolta l’opera è comparsa in via Erzelli, sul pilone del cosiddetto “lotto 10”, la rampa che collega la Guido Rossa al casello di Aeroporto: intitolato “We love muro zero”, il murale è il primo della neonata associazione Magazzino41, di cui oltre agli artisti fanno parte anche la consigliera municipale Rita Bruzzone, Cinzia Ottonello e Roberto Ferrando, consigliere del Municipio Ponente. 

«La nostra associazione è nata con l'obiettivo di ravvivare gli spazi e i muri spenti e grigi di delegazioni a volte abbandonate - spiega Ferrando - i ragazzi hanno individuato il pilone come muro iniziale, e abbiamo deciso di “offrirlo” al quartiere. La giunta del Municipio Medio Ponente ha subito accettato con entusiasmo la proposta, e la speranza è quella di intraprendere un cammino in un municipio che rappresenta la storia operaia di Genova: la scelta di iniziare qui non è casuale».

Il Municipio Medio Ponente non ha soltato accolto con favore la proposta, ma ha anche deciso di patrocinare il progetto, in collaborazione con l'associazione Prossimo: i lavori veri e propri sono partiti sabato 4 luglio e dureranno sino alla fine della settimana, con diversi sopralluoghi dell’assessore Massimo Romeo, che insieme con il presidente di Municipio Mario Bianchi e le colleghe in municipio, Maria Luisa Centofanti e Francesca La Mantia si sono detti entusiasti dell’iniziativa.

«La proposta ci è piaciuta subito - conferma Romeo - per questi due artisti ogni spazio libero è una lavagna da riempire, e quando hanno notato il pilone libero hanno avuto l’idea. L’ho proposta in giunta, e oltre ad approvarla abbiamo deciso di patrocinarla. Sono molto contento del risultato, l’arte e la cultura passano anche attraverso questo genere di opere, e non escludiamo di trovare altri spazi nel Municipio da mettere a loro disposizione».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cornigliano, sul pilone del Lotto 10 spunta "l’inno all’amore" dei due muralisti genovesi

GenovaToday è in caricamento