rotate-mobile
Attualità

Riscaldamento 2024, è ora di spegnere i termosifoni: ecco quando a Genova e provincia

In Italia, divisa in zone climatiche, ogni città ha una data precisa di interruzione dei caloriferi: ecco qual è quella stabilita per Genova

Nonostante il ritorno di venti freddi e burrasche degli ultimi giorni, la primavera si è già fatta largo con le sue giornate di sole. C’è chi ha già fatto il cambio armadi e chi ha risistemato il balcone, ma presto tutti si troveranno a dover spegnere i termosifoni, sulla base di un calendario stabilito. Ecco quando a Genova.

In Italia, divisa in zone climatiche, ogni città avrà una data precisa di interruzione del riscaldamento domestico. Quest’ultima viene stabilita, così come la data di accensione, da un decreto del Presidente della Repubblica, ma può essere modificata dai sindaci delle singole città nel caso le temperature fossero decisamente superiori o inferiori rispetto alle medie stagionali.

È in base alle zone che, oltre che il calendario di accendimento e spegnimento, vengono decise anche le ore totali di riscaldamento al giorno. Ad esempio per la zona D, a cui appartiene la provincia di Genova – insieme a La Spezia, Savona, Pisa, Firenze, Prato, Pesaro Roma, Viterbo e altre città meridionali – per quest’anno sono state stabilite le 11 ore dal giorno, dall’8 novembre 2023 in poi. Per questa zona, la data di spegnimento dei caloriferi è stata fissata per il giorno 15 aprile 2024

Nella zona A (Comuni di Lampedusa e Linosa, Porto Empedocle) il riscaldamento è già spento da quasi un mese, dal 15 marzo; nelle zone B (Agrigento, Catania, Crotone, Messina, Palermo, Reggio Calabria, Siracusa, Trapani) e C (Imperia, Larina, Bari, Cagliari, Lecce, Napoli, Sassari e altre) dal giorno di Pasqua, il 31 marzo. La stessa data, del 15 aprile, è stata imposta anche alla zona E, che comprende gran parte della Lombardia, dell’Emilia-Romagna, dell’Umbria e del Friuli Venezia Giulia. Se volete conoscere l'elenco di tutte le zone potete leggerle in questo articolo qui.

Le linee nazionali impatteranno in modo particolare sullo spegnimento dei riscaldamenti centralizzati, dove l’interruzione avverrà in automatico. Come già detto in precedenza, in caso di prolungamento delle giornate fredde, il sindaco di ogni città potrà, tramite ordinanza comunale, posticipare l’evento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riscaldamento 2024, è ora di spegnere i termosifoni: ecco quando a Genova e provincia

GenovaToday è in caricamento