menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Primo incidente sulla pista ciclabile, il sindaco: «Bisogna imparare il Codice della Strada»

Lo scontro si è verificato tra uno scooter e una macchina, ma la polemica sulla sicurezza si infiamma

Per giorni se n’è discusso, e alla fine è successo: nel primo giorno “feriale” di uso della nuova pista ciclabile, si è verificato un incidente. Nessun ciclista coinvolto - una moto che viaggiava sulla corsia delle bici è stata urtata da una macchina - ma quanto accaduto ha rinfocolato la polemica sulla sicurezza di quello che è di fatto un “corridoio d’emergenza” tracciato in corso Italia per consentire e incentivare la mobilità sostenibile. 

«Ho ricevuto moltissimi messaggi di gente molto contenta perché diamo possibilità alle persone di poter andare in giro in città in bici - è stato il commento del sindaco Marco Bucci - ma vanno prese precauzioni, dobbiamo imparare il Codice della Strada, i ciclisti devono rispettare i semafori e gli automobilisti devono rispettare ciclisti». 

Bucci ha sottolineato che corso Italia «non è un posto in cui andare in macchina», puntando i riflettori sulla bellezza della strada che corre lungo il mare: «A Milano stanno facendo la ciclabile in corso Buenos Aires, sicuramente è meno bella della nostra, e chi pensa che non sia la cosa giusta si ricrederà quando vedrà come i genovesi riescono a usare queste cose».

Della sicurezza della pista ciclabile tracciata in pochi giorni, però, si continua a parlare: in consiglio comunale, dove il consigliere Alberto Campanella, presentando un’interrogazione, l’ha definita «un tracciato ad alto rischio per i ciclisti, stretti tra una carreggiata ridotta al minimo e i parcheggi», e anche in Municipio Medio Levante, dove il presidente Francesco Vesco ha manifestato non poche perplessità. 

Davanti alle proteste, il sindaco si è mantenuto ottimista e ha messo le mani avanti: «Non è detto che il percorso resti così, saremo i primi a fare cambiamenti se sarà necessario», ha chiarito, ammettendo che i lavori per il completamento del tratto -  da De Ferrari a corso Marconi a oggi non è ancora stata tracciata alcuna pista - sono stati rallentamenti dal maltempo, ma procederanno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, Toti: «Dati positivi, oggi saremmo in zona gialla»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento