Il bimbo arriva prima: mamma partorisce a casa con l’aiuto del 118

La storia la riporta il presidente della Regione, Giovanni Toti: il piccolo Emanuele è nato tra le mura di casa, con il papà al telefono guidato da un’ostetrica

Ha deciso di arrivare qualche giorno prima del previsto, in un periodo in cui tra l’altro correre in ospedale, causa emergenza coronavirus, è complesso. E così, il piccolo Emanuele è nato a casa, grazie al supporto dei medici del 118.

La storia l’ha raccontata il presidente della Regione, Giovanni Toti, ringraziando i medici per « tutti i piccoli e grandi miracoli che compiono quotidianamente con il loro lavoro». Sonia, la mamma del piccolo, ha partorito a casa aiutata dal papà Luca e dall’ostetrica Mara Amisano, che ha guidato il parto a distanza.

Una volta venuto al mondo, Emanuele è stato portato all’ospedale San Martino insieme con la mamma, ricoverata nel reparto di Ostetricia e Ginecologia. Bimbo e mamma stanno bene, e hanno già ricevuto il benvenuto da tutta la Liguria da parte del presidente della Regione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba smartphone a mamma con neonato sul bus, poi la prende a pugni

  • Coronavirus, da domenica la Liguria torna in zona gialla

  • Liguria verso zona gialla, ma gli spostamenti fuori regione restano in forse

  • Perdono entrambi i genitori nel giro di un anno: mobilitazione per aiutare due fratelli di Quezzi

  • Antiche tradizioni: cos'è il "ragno genovese"?

  • «L'ho trovato, vedrai che non succederà più»: arrestato l'aggressore di Giuseppe Carbone

Torna su
GenovaToday è in caricamento