Zona arancione: supermercati e alimentari aperti anche dopo le 21, firmata l’ordinanza

Il presidente della Regione ha firmato il provvedimento che consente ai punti vendita che vendono generi di prima necessità di restare aperti

È stata firmata mercoledì mattina l’ordinanza con cui il presidente della Regione Giovanni Toti si uniforma al dpcm del 3 novembre che consente di tenere aperti anche in orario notturno gli esercizi di vicinato.

Si tratta di negozi di alimentari o strutture di medie e grandi dimensioni che possono restare aperti anche oltre le 21, in considerazione della chiusura, da mercoledìì, di ristoranti, bar e gelaterie e della limitazione degli spostamenti tra comuni e regioni se non per comprovate esigenze di salute o lavoro.

«In questo modo Regione Liguria si uniforma ai dettami delle aree arancioni  - spiegano dalla Regione - ed elimina la chiusura degli esercizi alimentari su Genova dove precedentemente era prevista alle 21 per evitare assembramenti serali».

Per quanto riguarda bar e ristoranti, l’asporto è previsto fino alle 22, mentre per le consegne a domicilio non ci sono limitazioni. Resta in tutta la Liguria il coprifuoco dalle 22 alle 5, e nel Comune di Genova il divieto di assembramento anticipato dalle ore 21.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente di caccia a Bolzaneto: muore 58enne colpito per errore

  • Travolta da uno scooter a Sant'Eusebio, muore in ospedale: «Ciao Ale»

  • All'asta le sneaker della Lidl. Anche mille euro per una taglia 38

  • Tragedia al San Martino, trovato morto paziente allontanatosi dal reparto

  • A passeggio dopo il coprifuoco: «Stiamo tornando a casa dopo una festa con amici». Multati

  • La risposta ligure alle scarpe della Lidl? Ci pensa il comico Andrea Di Marco con il Movimento Estremista Ligure

Torna su
GenovaToday è in caricamento