Coronavirus, al San Martino nati tre bimbi da mamme positive

Dei 78 neonati venuti al mondo dal’8 marzo a oggi, alcuni avevano madri risultate affette da covid-19. Non sono positivi, ma due sono nati prematuri e sono stati trasferiti al Gaslini

Anche all’ospedale San Martino di Genova sono arrivati i primi casi di neonati nati da mamme positive al coronavirus. Si tratta di tre bambini, due nati da madri che presentavano sintomi, uno nato invece da mamma asintomatica.

Tutti i neonati, al pari della casistica mondiale, sono risultati poi negativi al tampone, al momento non appare dunque positiva una trasmissione diretta materno-fetale. Nel caso dei primi due bambini, complice la nascita prematura, è stato però organizzato il trasferimento e il ricovero all’ospedale Gaslini: «Si tratta di neonati nati molto prematuri, con cesareo - spiega il dottor Claudio Gustavino, direttore di Ostetricia e Ginecologia al San Martino - Abbiamo quindi predisposto tutte le cure del caso, entrambi sono in situazione attentamente monitorata ma non in pericolo di vita».

Nel caso del piccolo nato da mamma positiva, ma senza sintomi, è stato disposto l’isolamento in reparto. Tre i neonati che erano già in isolamento perché si sospettava che le mamme fossero positive, ma il tampone ha dato esito negativo ed è stato escluso il contagio.

«Abbiamo un protocollo molto rigoroso - spiega ancora Gustavino - che prevede che in caso di mamma positiva il bambino venga isolato a scopo preventivo, ma la trasmissione di tipo verticale al momento non è documentata. Al Sacco di Milano, per esempio, hanno gestito in questo mese 11 gravidanze di madri positive al covid-19, e tutti i bambini stanno benem nessuno ha avuto trasmissione. Questo è un dato tranquillizzante».

Il policlinico oggi effettua una lunga serie di test e controlli sulle donne in gravidanza: «Il nostro è un protocollo di grandissima prudenza e di grande impatto, visto che separiamo la mamma dal bambino. Facciamo sia i tamponi classici, faringei, su mamma e bambino, e poi ne facciamo uno anche sulla placenta, che viene sottoposta anche a esame istologico della placenta, L'obiettivo è capire se è il virus potrebbe essere presente anche lì, e capire altre informazioni utili magari non oggi, ma un domani, in termini di studio».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, possibile "mini lockdown" in tutta Genova: «I contagi crescono ovunque»

  • Bassetti: «In ospedale al primo sintomo influenzale per la paura che è stata trasmessa»

  • Auto pirata travolge gruppo di giovani a Quezzi, 4 feriti gravi tra cui una ragazza incinta

  • Covid, tutta Genova diventa zona "ad alta attenzione": firmata la nuova ordinanza

  • Incidente a Quezzi, arrestato il pirata della strada

  • Pronto soccorso in affanno, troppi accessi per sintomi lievi: «Sbagliato, ecco quando dovete venire»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento