Università, 300 tablet per gli studenti in difficoltà dopo l'emergenza covid

In vista del primo semestre del nuovo anno accademico, e con gli appelli estivi, l’ateneo mette a disposizione degli studenti strumenti informatici

Una fornitura di tablet per gli studenti in difficoltà con la didattica a distanza, imposta a causa dell’emergenza sanitaria legata al coronavirus.

L’iniziativa è dell’Università di Genova, che in vista del primo semestre del prossimo anno accademico, e per offrire un aiuto già in questi mesi della sessione estiva degli esami, ha in programma diverse iniziative di sostegno agli studenti. 

Una delle prime è l'acquisizione di 300 tablet che saranno concessi in comodato d'uso, per un tempo massimo di 6 mesi, agli studenti che li richiederanno, sulla base di una procedura selettiva basata sul possesso di determinati requisiti di reddito e familiari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli studenti che si trovano in difficoltà per quel che riguarda le attrezzature informatiche a propria disposizione e sono interessati a chiedere il tablet possono compilare il modulo online (https://modulionline.unige.it/portatilestudenti) entro e non oltre il 5 luglio 2020. I tablet saranno resi disponibili entro il 13 luglio 2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, nuove regole in Liguria: alle superiori lezioni a casa a rotazione, "coprifuoco" in 4 zone di Genova

  • Covid, il coprifuoco per frenare il contagio: cosa succede nelle zone rosse. Ospedali in affanno

  • Non rispettano tempi di riposo, pioggia di multe per autisti di mezzi pesanti

  • Coronavirus e ipotesi lockdown, Bassetti: «Coprifuoco opportuno per Genova, Milano e Roma»

  • Dialetto curioso: "massacan", da dove deriva questa parola antichissima?

  • Il postino di "C'è posta per te" arriva a Torriglia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento