menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Riciclaestate 2016, giochi e laboratori per rendere le vacanze più "green"

Al via il primo luglio la nuova edizione della manifestazione organizzata da Legambiente e Conai per sensibilizzare i cittadini sull'importanza del riciclo e la differenziata

Un’estate all’insegna del riciclo, per insegnare ai più giovani (ma non solo) l’importanza della raccolta differenziata e della corretta gestione dei rifiuti, da recuperare quanto più possibile non soltanto per una questione ambientale, ma anche economica: è quella firmata da Legambiente Liguria e Conai, che con il patrocinio della Regione hanno dato il via questa mattina all’edizione 2016 di Riciclaestate.

La manifestazione prende il via il primo luglio e proseguirà sino al 31 agosto con un tour della Liguria composto da 40 eventi, due per Comune, durante i quali sono previsti laboratori e giochi sul riciclo per bambini e ragazzi tra i 5 e i 16 anni e la distribuzione di materiale informativo. A oggi sono 20 le amministrazioni coinvolte, con circa 250 stabilimenti balneari che aderiscono all’iniziativa e una campagna che si prefigge di raggiungere potenzialmente 900mila persone tra residenti e turisti.

«E’ fondamentale insegnare l’importanza della raccolta differenziata fin da piccoli per rendere i giovani, un domani, adulti consapevoli - ha sottolineato a margine della presentazione dell’evento Giacomo Giampedrone, assessore regionale al ciclo dei Rifiuti – La Liguria purtroppo fino ad oggi è stata fanalino di coda sul fronte  della raccolta differenziata, in quanto la politica messa in atto dalle passate amministrazioni è stata fallimentare, perché si è scelto la strada dell’immobilismo, puntando solo sullo smaltimento in discarica. Oggi però grazie  alla nostra legge regionale 20 sui rifiuti, approvata lo scorso anno,  i Comuni liguri che hanno presentato piani per il recupero dei rifiuti sono passati da 11 a 180 su un totale di 235. Segno che siamo sulla strada giusta, anche se c’è ancora molto da fare.  L’obiettivo è quello di arrivare entro il 2017 almeno al 45% di raccolta differenziata, allineandoci alle altre regioni italiane».

E proprio la crescita dei Comuni “virtuosi” dal punto di vista della differenziata è uno degli obiettivi principali della campagna, e quello su cui devono convergere la maggiore parte degli sforzi, secondo Santo Grammatico, presidente di Legambiente Liguria: «Migliorando i sistemi di gestione e la qualità dei prodotti post consumo conferiti si crea una economia circolare che porta introiti economici e benessere ambientale. I cittadini e le amministrazioni virtuose, che contribuiscono ad innalzare e costantemente migliorare la raccolta differenziata garantiscono ai turisti e alle future generazioni una migliore qualità territoriale».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Costume e società

    Il poeta Guido Gozzano e quelle mangiate alla "Marinetta" di Genova

  • Costume e società

    Cosa vuol dire "stanco"? Storia di un "falso amico" genovese

Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento