L'eros nell'arte da Melanie Brun

Martedì 8 maggio ultimo appuntamento della stagione primaverile nel Salotto della sexy boutique Melanie Brun, con L'Eros nell'arte a cura della dottoressa Debora Colombo.

Quando parliamo di sessualità si apre un territorio infinitamente dilatabile che può affondare la sonda d’interesse nel mondo antico, con un posteriore giudizio critico su quello che era il vivere “Secondo natura” come scrive Eva Cantarella, un’autorevole storica dell’antichità.

Amori di gruppo, promiscuità, rapporti sessuali provocatori ed esibizionistici ci accompagnano fin dai tempi della democratica Grecia, con importanti descrizioni vascolari che raggiungono gli etruschi e culminano con l’uso del famoso rosso pompeiano negli affreschi di ville e lupanari di questa lasciva città. Dipingere amplessi, mettere il focus sulle prostitute è un’arte che conosce estensioni temporali, un tema attraverso il quale si estrinsecano le tappe della storia dell’arte mondiale.

Persino un’epoca repressiva come il Medioevo, con la lunga lista di peccati elencati sui penitenziali, offre scene di omosessualità, masturbazione e sesso con gli animali. Segue l’elegante e raffinato Rinascimento dove non mancano gli attributi del desiderio e dell’eros; nascono eleganti icone gay, San Sebastiano giovane e bello, eroticamente legato all’albero, un misto di dolore e piacere, Zeus e Ganimede di Correggio, con il mito di Ganimede, collegato simbolicamente agli amori omosessuali.

Il capriccioso barocco, il rococò ed il neoclassicismo educano al bello trattando con dolce naturalezza e senza tabù il sesso. Il fresco impressionismo traduce la vita delle cocottes, l’elegante belle époque e gli altri movimenti a seguire tratteranno il sesso senza pudore, perché come scrive Vincenzo Trione “la creazione artistica è senza pudore”. S’impongono al pubblico altre creazioni celeberrime sul tema, opere di Pablo Picasso e Salvador Dali dove l’erotismo e la sensualità carnale si manifestano con i formulari stilistici propri di ogni artista.

Non mancano poi esiti forti come il tormentato erotismo di Egon Schiele, l’opera di “Lo stupro” di Magritte, che descrivono le estreme inclinazioni del desiderio, in cui l’arte offre uno spaccato di questi concetti con meccanismi pittorici decisamente moderni.

In questo incontro ripercorreremo la storia erotica dell’arte dalla Grecia ai giorni nostri con la Dott. sa Debora Colombo, docente di storia dell’arte, esperta nel settore della pittura ligure '800 e '900, iscritta all’Albo nella categoria “Esperti Camera di commercio” e all’Albo “Consulenti Tecnici del Tribunale di Genova” per le categorie materiali lapidei, dipinti, antichità e oggetti d’arte del periodo storico XIX e XX secolo.

Dalle 19.00 alle 20.30 da Melanie Brun Via dei Giustiniani 58 r. Aperitivo in apertura.

Posti limitati, prenotazione obbligatoria chiamando lo 0108986363 o scrivendo a melanie@melaniebrun.com

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • "Loving books": dialoghi di libri e sui libri, l'iniziativa della Biblioteca Universitaria di Genova

    • Gratis
    • dal 17 marzo al 23 giugno 2021
    • Internet
  • Let it Be(atles): storia, musica ed evoluzioni di una band iconica

    • dal 7 aprile al 12 maggio 2021
    • Internet
  • Le grandi epidemie nella storia della medicina e della letteratura: l'incontro degli Amici del Museo Doria

    • solo oggi
    • Gratis
    • 6 maggio 2021

I più visti

  • "Staglieno delle meraviglie con il mio cucciolo": la visita guidata per chi ha un cane

    • solo oggi
    • 5 maggio 2021
    • Cimitero Monumentale di Staglieno
  • StraWoman: la Festa della Mamma si celebra con una grande corsa collettiva

    • dal 8 al 9 maggio 2021
  • Cinema aperti con il nuovo film di Woody Allen dal 6 maggio nelle migliori sale di Genova

    • dal 6 al 5 maggio 2021
    • Genova
  • Torna a Genova la Distinguished Gentleman's Ride: sfilata di moto per beneficenza

    • 23 maggio 2021
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    GenovaToday è in caricamento