Colleziona nove furti durante i domiciliari, portato in carcere

Protagonista della vicenda un 21enne di origini ecuadoriane. Il giovane è stato arrestato nel novembre 2019, ma questo non è bastato per farlo smettere di delinquere

Lunedì 31 agosto 2020 i poliziotti del commissariato Prè hanno eseguito un ordine di custodia cautelare in carcere nei confronti di un 21enne ecuadoriano, pluripregiudicato per reati contro il patrimonio, resistenza a pubblico ufficiale e porto abusivo di armi e oggetti atti a offendere.

Lo scorso novembre il giovane, arrestato in flagranza di reato per furto aggravato, era stato condannato con rito direttissimo all'obbligo di dimora con divieto di uscire dal prorpio domicilio dalle 20 alle 7. Sin da subito ha dimostrato la sua insofferena alla pena imposta, inottemperando alla stessa numerose volte e proseguendo la sua attività predatoria: è stato denunciato solo dall'inizio del 2020 per ben nove furti diversi.

Solo pochi giorni fa il questore di Genova, considerate le numerose violazioni della misura cautelare e l'uso abituale di sostanze stupefacenti, aveva emesso a carico del 21enne un avviso orale in concomitanza della richiesta di aggravamento della pena. Lo scorso sabato il tribunale di Genova, accogliendo l'istanza, ne ha disposto la custodia cautelare nel carcere di Marassi dove ieri i poliziotti di Prè lo hanno accompagnato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ferrari distrutta per Marchetti mentre si allena a Pegli

  • Covid, firmato il nuovo dpcm: spostamenti, asporto e scuola, cosa prevede

  • La Liguria torna in zona gialla, ma si attende il nuovo (e più severo) dpcm: cosa si sa

  • Liguria in zona arancione con i nuovi parametri: cosa cambia

  • Il genovese "Fotografo dei Puffi" conquista i social: «Così faccio conoscere la Liguria con fantasia e ironia»

  • Liguria gialla o arancione da domenica, attesa per la nuova ordinanza

Torna su
GenovaToday è in caricamento