menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I Forti di Genova si rifanno il look

Firmato il protocollo d'intesa tra Comune e Demanio per la valorizzazione della cinta muraria seicentesca. Il sindaco Bucci: «Il sistema dei forti può aggiungere un valore culturale, sportivo e di intrattenimento alla proposta turistica di Genova»

Un altro passo avanti per la valorizzazione dei Forti di Genova. È stato firmato il protocollo di intesa tra l'Agenzia del Demanio e il Comune per il recupero degli immobili pubblici sul territorio. La valorizzazione della cinta muraria seicentesca richiede importanti investimenti ma può rappresentare un’opportunità strategica per rilanciare il turismo e la cultura del territorio.

Il Direttore dell’Agenzia del Demanio, Riccardo Carpino, e il sindaco di Genova, Marco Bucci, hanno siglato a Palazzo Tursi l'accordo che prevede il restauro del Forte Santa Tecla, Forte Puin e di Torre Gropallo. Questi nuovi percorsi di recupero si aggiungono a quelli del 2015 con un macroprogramma di valorizzazione dei Forti Belvedere, Crocetta, Tenaglie, Begato, Sperone, dell’Ex Torre Granara e dello stesso Forte Puin, trasferiti in proprietà al Comune grazie alla procedura del federalismo demaniale.

La valorizzazione dei Forti, il sistema difensivo seicentesco che circonda Genova, si inserisce nell’ambito delle iniziative dei Progetti a rete avviati dall’Agenzia: nei prossimi mesi infatti Forte Santa Tecla, di proprietà dello Stato, e Forte Puin, oggi di proprietà del Comune, saranno inseriti nei bandi di concessione del progetto “Cammini e Percorsi”.

L’iniziativa mira al recupero degli immobili pubblici che si trovano lungo gli itinerari storico-religiosi. Torre Gropallo, invece, farà parte del progetto “Fari, torri ed edifici costieri” che punta alla riqualificazione degli edifici presenti sulle coste italiane.

«Le operazioni di valorizzazione degli immobili pubblici che coinvolgono i Forti genovesi sono un impegno importante che ci dobbiamo assumere per la città in un momento in cui la comunità è particolarmente provata», ha sottolineato il Prefetto Carpino. «Dobbiamolavorare tutte le istituzioni insieme attivando una sinergia concreta che consenta di dare segnali visibili e fruibili ai cittadini del rilancio turistico di Genova e la mia presenza qui ha questo senso».

«L’obiettivo dell'amministrazione comunale – ha detto il sindaco di Genova Marco Bucci – è quello di valorizzare i forti genovesi patrimonio della nostra città. Riappropriandoci di questi beni cercheremo di valorizzare ancora di più la particolarità del territorio genovese così schiacciato tra il mare e i promontori: il sistema dei forti può aggiungere un valore culturale, sportivo e di intrattenimento alla proposta turistica di Genova».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Costume e società

    Il poeta Guido Gozzano e quelle mangiate alla "Marinetta" di Genova

  • Costume e società

    Cosa vuol dire "stanco"? Storia di un "falso amico" genovese

Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento