Cronaca

Assembramenti sugli autobus, Balleari: «Chiediamo ai cittadini di farsi parte attiva»

«La rete di Amt è composta di 2.600 fermate e presidiarle tutte è impossibile», ha spiegato l'assessore Balleari in consiglio comunale

Alle ore 14 il consiglio comunale di lunedì 29 giugno 2020 si è aperto con le interrogazioni a risposta immediata da parte dei consiglieri alla giunta.

Francesco De Benedictis (Direzione Italia) ha fatto presente che dai cittadini sono arrivate tante segnalazioni circa l'affollamento sui bus cittadini, ad esempio il 25 giugno alle ore 9.15 il bus Amt 17 barrato in corso Europa angolo via Timavo era così affollato da non poter assolutamente rispettare il distanziamento e, in più, tante persone non indossavano la mascherina.

De Benedictis ha sottolineato che in questa fase delicata della ripartenza post covid-19 è necessario che tutti adottino i comportamenti necessari a impedire che il virus torni a circolare e ha chiesto a chi competono i controlli sui bus e se l'amministrazione non ritiene necessario intensificare le corse e sensibilizzare ulteriormente gli utenti a usare correttamente i dispositivi di protezione.

La replica dell'assessore Stefano Balleari: «I bus, in base all'ultimo Dpcm, possono viaggiare al 60% della loro capienza. Gli autisti segnalano alla centrale operativa il grado di affollamento del mezzo e in caso di sovraffollamento viene inserito l'invio di un altro bus. Anche i verificatori dei titoli di viaggio segnalano se i bus sono pieni e, anche, se gli utenti usano la mascherina. Le sanzioni possono essere elevate solo dalle forze dell'ordine. La rete di Amt è composta di 2.600 fermate e presidiarle tutte è impossibile. Anche in questa fase della ripartenza dall'emergenza covid chiediamo ai cittadini di farsi parte attiva, con comportamenti attenti alle norme anti contagio».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assembramenti sugli autobus, Balleari: «Chiediamo ai cittadini di farsi parte attiva»

GenovaToday è in caricamento