"L'Attesa" di Marco Ponte diventerà il logo per le malattie rare di Alisa

Il quadro è stato consegnato mercoledì 18 dicembre 2019

Da sinistra: Walter Locatelli, Marco Ponte, Sonia Viale e Rosa Bellomo

Mercoledì 18 dicembre 2019, è stata consegnata l’opera “L’attesa” di Marco Ponte, presentata alla decima edizione del Concorso letterario, artistico e musicale "Il Volo di Pegaso" del Centro Nazionale Malattie Rare dell’Istituto Superiore di Sanità.

La vicepresidente e assessore alla Sanità di Regione Liguria Sonia Viale ha ritirato l’opera, la cui immagine, sarà utilizzata da Alisa come logo nell’ambito delle Malattie rare, per gentile concessione del Centro Nazionale Malattie Rare - Istituto Superiore di Sanità, Roma.

Il quadro

Una giovane donna rimuove un unico dettaglio anomalo da un continuum di elementi. Un giovane uomo, contemporaneamente, porge la sua versione chiarificata ed esatta. Si tratta di due sforzi che provengono da due direzioni opposte, nello spazio ma anche nella volontà di intenzione. I due movimenti, così differenti, convergono, si incontrano e si sostengono nel tentativo di creare la perfezione. È evidente qui il parallelismo con la catena del DNA, una molecola il cui equilibrio è retto da meccanismi estremamente sottili ma non precari, dove tutto collima alla perfezione per creare la base di sé. Un ambito, perciò, in cui tale ricercata perfezione è vicinissima ma comunque inesistente e dove il “diverso” può condurre all'innovazione estrema o alla totale e più terribile devastazione. In tale ambito, l'input comune delle due figure diviene la ricerca. Una ricerca incessante e faticosa che richiede sforzi distanti ma sempre più vicini. Una ricerca che deve essere, per definizione, giovane; non nel senso prettamente cronologico del termine quanto piuttosto nella matrice di pensiero che porta alle idee e alle proposte.

Infine, al centro della scena c’ è un albero, sinonimo di crescita e stabilità, da cui si diffondono elementi e note musicali che vanno a comporre cinque melodie. Si tratta di brevi estratti di compositori che hanno interpretato l'onirico in varie chiavi di lettura (Mahler, Schumann, Debussy, Liszt, Mendelssohn). Nel complesso, si ha così un incontro pacato ed armonico di suoni e voci, in cui il tema del sogno aleggia su tutta la scena nelle sue varie forme ed essenze, concretizzandosi al centro, dove si identifica nell'attesa del dispiegarsi delle possibilità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Corso Europa, identificate le due vittime

  • Corso Europa, auto si ribalta e prende fuoco: due morti

  • Dopo vent'anni di attività chiude Foot Locker

  • Il meglio del weekend a Genova: Hogwarts Express, focaccette di Crevari, teatri e tanto altro

  • I migliori ristoranti sushi all-you-can-eat di Genova: la guida 2020

  • Cassano torna in campo: nuova esperienza in Aics con tripletta all'esordio

Torna su
GenovaToday è in caricamento