Giovedì, 23 Settembre 2021
Attualità

Meteo, in arrivo "la settimana più calda dell'estate", temperature da bollino rosso anche a Genova

Il picco previsto tra giovedì e venerdì con punte di 34 gradi

Temperature in aumento in tutta Italia e anche a Genova per quella che è già stata battezzata come "la settimana più calda dell'estate".

Cosa succederà? L'anticiclone africano, già presente nei giorni scorsi alle latitudini mediterranee, come spiega 3bMeteo, intensificherà la sua influenza e la estenderà anche al nord Italia. Dunque non si dovranno temere piogge o precipitazioni, quanto piuttosto il gran caldo che investirà la penisola. 

Le previsioni

In particolare, entro mercoledì sulle zone interne delle isole maggiori, il termometro potrebbe arrivare a segnare fino a 45-46 gradi. Genova potrebbe essere risparmiata da queste temperature così alte grazie all'azione mitigante del mare, ma non mancheranno afa e caldo anche nella Superba.

Sempre secondo 3bMeteo, lunedì 9 agosto in Liguria le temperature saranno ancora abbastanza normali, ma poi da martedì partirà un generale riscaldamento, che toccherà il suo culmine tra giovedì e venerdì.

Su Genova, in particolare, martedì saremo in bilico tra i 23 e 29 gradi, mentre mercoledì saremo tra i 25 e i 31. Attenzione da giovedì in poi: la minima prevista è di 24 gradi, e la massima di 34. Poco cambierà venerdì, perché la Superba oscillerà tra i 25 e i 34 gradi. Da sabato a lunedì prossimo, le temperature rimarranno tra i 20 e i 30 gradi circa, poi se le previsioni rimarranno invariate si andrà verso un periodo più fresco.

Per 3bMeteo le "allerte caldo" principali a Genova si registreranno giovedì 12 e venerdì 13 agosto. Da sabato a lunedì andrà un po' meglio e il bollino assegnato dal portale passa da rosso ad arancione. Per tornare a una situazione ottimale, da bollino verde, bisognerà aspettare martedì 17.

Quanto durerà il caldo

L'egemonia anticiclonica sembra dover avere lunga vita, e per tutta la settimana non si intravedono cambiamenti particolari. Anzi, nella seconda parte della settimana sarà il nord Italia alle prese con un ulteriore riscaldamento.

Caldo: i consigli del Ministero della Salute

Ecco alcuni dei consigli elaborati dal Ministero della Salute per quanto riguarda le giornate di particolare caldo.

Quali precauzioni si devono adottare quando si esce di casa in una giornata molto calda?

Ripararsi la testa con un cappello leggero a falde larghe; in auto usare tendine parasole. All’interno di un’automobile le temperature possono raggiungere velocemente valori molto elevati. Evitare di lasciare i bambini da soli in macchina, anche se per brevi soste. Indossare indumenti chiari, non aderenti, di cotone o lino, in quanto le fibre sintetiche impediscono la traspirazione. Usare creme solari protettive e occhiali da sole. Chi soffre di diabete deve esporsi al sole con cautela, onde evitare ustioni serie, a causa della minore sensibilità al dolore.

Che cosa è preferibile mangiare in estate?

In generale è meglio consumare pasti leggeri, preferire la pasta e il pesce alla carne, evitando i cibi elaborati e piccanti; consumare molta frutta e verdura. Qualche gelato è concesso, ma si consigliano quelli al gusto di frutta, meno calorici. Evitare i pasti abbondanti, preferendo quattro, cinque piccoli pasti durante la giornata.

Quanto e cosa è consigliabile bere in estate?

E’ importante bere, anche in assenza dello stimolo della sete. Si consiglia di bere almeno due litri al giorno, salvo diverso parere del medico, di moderare l'assunzione di bevande gassate e zuccherate, ricche di calorie, di evitare gli alcolici e di limitare l’assunzione di bevande che contengono caffeina (caffè, tè nero etc.)

Come posso rendere la casa meno calda?

  • Schermare finestre e vetrate esposte a sud-sud ovest con tende e/o oscuranti esterni regolabili (persiane, veneziane) per non far entrare il sole
  • Chiudere le finestre nelle ore più calde della giornata per evitare il riscaldamento delle stanze.
  • Lasciare le finestre aperte durante la notte e nelle prime ore del mattino, così da permettere il necessario ricambio d’aria.
  • Limitare l’uso del forno e di altri elettrodomestici che producono calore (fornelli, ferro da stiro, phon etc.) che tendono a riscaldare la casa.
  • Utilizzare un climatizzatore per rinfrescare l’ambiente regolando il termostato in modo tale che la temperatura ambiente sia pari a 24-26° C. Nelle aree caratterizzate principalmente da un elevato tasso di umidità, senza valori particolarmente elevati di temperatura, può essere sufficiente l’uso del deumidificatore in alternativa al condizionatore.
  • Se si usano ventilatori non indirizzarli direttamente sulle persone, ma regolarli in modo da far circolare l’aria in tutto l’ambiente. Se la temperatura dell’ambiente è superiore a 32°C i ventilatori sono più dannosi che utili (vedi anche domanda n. 14).
  • Evitare di passare all’improvviso dal caldo al freddo e viceversa.
  • Fare bagni o docce con acqua tiepida per abbassare la temperatura corporea, evitando però bruschi sbalzi di temperatura, che possono provocare ipotermia soprattutto in bambini e anziani.
  • Assicurarsi che le persone malate e/o costrette a letto non siano troppo coperte.
  • È possibile ristrutturare la propria casa usufruendo delle periodiche detrazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica, rendendo così la casa più eco-sostenibile, risparmiando sui costi della bolletta e migliorando l’isolamento termico, sia in estate che in inverno. Consulta il sito dell'Enea.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Meteo, in arrivo "la settimana più calda dell'estate", temperature da bollino rosso anche a Genova

GenovaToday è in caricamento