Martedì, 19 Ottobre 2021
Coronavirus

Coronavirus, Liguria resta in zona bianca. Toti: "Anche grazie a campagna vaccinale"

La popolazione che ha ricevuto almeno una dose di vaccino è pari al 60,8% nella fascia under 19

 Tutti gli indicatori dell’impatto del Covid in Liguria sono in diminuzione, lo dichiara il presidente e assessore alla Salute della Regione Liguira, Giovanni Toti.

"L'Rt è a quota 0,95, e l’incidenza settimanale su 100mila abitanti resta stabile a 57. Anche la pressione sugli ospedali è costante, con il 4% di occupazione dei posti letto sia in terapia intensiva che in area medica, al di sotto delle soglie che sono rispettivamente il 10 e il 15%: questi numeri confermano la Liguria in zona bianca".

La campagna vaccinale 

"La popolazione che ha ricevuto almeno una dose di vaccino è pari al 60,8% nella fascia tra i 12 e i 19 anni, al 95,2% nella fascia sopra gli 80 anni, all’82,9% nella fascia 70-79, all’83,5% in quella 60-69, al 79,3 % nella fascia 50-59. Guardando alla popolazione sopra i 12 anni, ha ricevuto almeno una dose il 78,6%”, riporta Toti.
“Il mantenimento della zona bianca è un risultato legato all’efficacia della campagna vaccinale, che va avanti con l’obiettivo di arrivare all’immunità di gregge. È fondamentale che la vaccinazione sia diffusa il più possibile. È l’unica strada da seguire per proteggere noi stessi e chi ci sta intorno”.

La situazione negli ospedali

I ricoverati in ospedale sono 93 (16 in più di ieri), di cui 8 in terapia intensiva (come ieri), mentre in isolamento domiciliare, in terapia cioè tra le mura di casa, ci sono 1.751 persone, 11 in meno di ieri. Si registra un aumento dei ricoveri rispetto a ieri del 20%, passando da 77 a 93 soggetti ricoverati. Tra le ragioni di tale incremento - fanno sapere dalla Regione - si segnala che il numero di soggetti dimessi nelle ultime 24 ore, pari a 5, è inferiore all'andamento medio routinario dei soggetti dimessi, andando a incidere sul numero dei pazienti attualmente ricoverati. Da un'analisi più approfondita si evince inoltre che l'incremento maggiore di nuovi ricoveri rispetto all'atteso, verificatosi sul territorio del ponente Ligure, è in parte riconducibile al riscontro di positività in pazienti ricoverati e asintomatici durante le procedure di screening dei soggetti ospedalizzati per altre cause (per 5 soggetti degli 11 nuovi ricoveri nei territori di Asl 1 e 2).

I ricoverati a settembre hanno un'età media di 60 anni mentre a gennaio gli ospedalizzati erano in prevalenza over 80.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Liguria resta in zona bianca. Toti: "Anche grazie a campagna vaccinale"

GenovaToday è in caricamento