Martedì, 21 Settembre 2021
Cultura

La meraviglia e la complessità della Superba in "Genova per noi"

La celebre canzone scritta da Paolo Conte

«Con quella faccia un po' così, quell'espressione un po' così, che abbiamo noi prima di andare a Genova». Chi non conosce queste celebri strofe che aprono la canzone "Genova per noi" di Paolo Conte?

La canzone è scritta da Conte, pubblicata per la prima volta da Bruno Lauzi nel 1975, ed è diventata famosissima nella versione cantata poi dallo stesso autore.

Ma qual è il significato di questa canzone? Naturalmente il soggetto principale è Genova, la Superba vista dagli occhi del piemontese che viene dalla campagna, un visitatore occasionale che sogna il sole e una vacanza al mare. Conte secondo la critica è riuscito a sintetizzare il senso di meraviglia che prova il provinciale a visitare una città ricca di complessità.

Conte sente che Genova, in fondo in fondo, è anche un po' sua, e che le affinità caratteriali con i genovesi ci sono: «Eppur parenti siamo un po' di quella gente che c'è lì, che in fondo in fondo è come noi, selvatica». 

Nella canzone l'autroe ripensa alla vita di campagna, con la pioggia che bagna gli abitanti, i gamberoni rossi che sono solo un sogno e il sole è un lampo giallo e, anzi, arriva in piazza rare volte. Il resto è pioggia. Triste? No, basta saper trovare la poesia anche in queste occasioni: «Lasciaci tornare ai nostri temporali, Genova ha i giorni tutti uguali» dice il "mugugnone" (in questo simile ai genovesi) che tutto sommato ama anche la sua campagna.

Insomma, Genova rimane un sogno. Anzi, «un'idea come un'altra».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La meraviglia e la complessità della Superba in "Genova per noi"

GenovaToday è in caricamento