menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bancarotta Hanjin, 86 genovesi restano senza lavoro

Con il crack della compagnia coreana di trasporto container da lunedì partiranno le procedure per i licenziamenti collettivi. Più di cinquemila container - di cui molti destinati a Genova - bloccati

86 dipendenti genovesi senza lavoro: è questo il grave bilancio del fallimento del colosso coreano di trasporto container Hanjin. Da lunedì partiranno le procedure per i licenziamenti collettivi, e considerato che Hanjin Italy conta 92 dipendenti nel Bel Paese, non è difficile immaginare che il maggior danno lo subisce la città di Genova.

Il destino dei lavoratori è la mobilità (sono quasi tutti troppo giovani per i prepensionamenti) per cui riceveranno l'80% dello stipendio nei primi quattro mesi, e poi la percentuale scenderà progressivamente.

Altra conseguenza del fallimento è che più di 5000 container contenenti merci italiane, per la maggior parte prodotti finiti e componentistica in importazione - per un valore complessivo quantificabile fra i 300 e i 350 milioni di dollari - sono bloccati sulle banchine dei porti o nelle stive delle navi. Il crack della compagnia coreana «non è più, e non è mai stato, un problema solo per il mondo che ruota sui porti e sulle rotte del trasporto marittimo». A sottolinearlo con forza, lanciando un nuovo allarme sull’effetto domino che il collasso finanziario della settima compagnia mondiale potrebbe innescare, è Alessandro Laghezza, presidente di Ligurian Logistic System, nonché consigliere nazionale di Fedespedi e di Confetra.

Secondo Laghezza dai 2000 ai 2500 container sono stati sbarcati sulle banchine, ma almeno altrettanti sono ancora bordo di navi in mare aperto. Navi che, in alcuni casi, evitano di entrare nei porti per il timore fondato di essere poste subito sotto sequestro. «Tre – conclude Laghezza– sono le navi che attualmente risultano avere a bordo merce e prodotti destinate a La Spezia, la “Hanjin Italy” e la “Hanjin Tabul” ferme in rada davanti a Jeddah, mentre la “Hanjin Korea” è in navigazione verso Yantian. A queste si aggiunge la “Hanjin Spain” che dopo aver scaricato la quota di carico per La Spezia, ha saltato lo scalo di Genova e attualmente è in attesa di operare presso il porto di Valencia dove dovrebbe scaricare anche i container destinati a Genova».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, da lunedì tutta la Liguria in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento