Dialetto curioso: cosa fa una persona che va a "demoâse"?

Da dove deriva questa parola in genovese? E cosa voleva dire, originariamente?

Chi è di Genova avrà sicuramente già sentito l'espressione "demoâ" o "demoâse". Ma cosa vuol dire? E cosa fa una persona che va a "demoâse"?

I genovesi doc conoscono la risposta: demoâ vuol dire "divertire", e demoâse "divertirsi". Ma forse non tutti sanno da dove arriva questa strana parola, così lontana dalla sua traduzione italiana.

Bisogna - come spesso accade - andare a ricercare le radici di questo termine nel latino. "Demoâ" deriva infatti da "demorare" cioè trattenersi; e, da qui, intrattenersi.

Da questa parola deriva l'italiano "dimorare", cioè abitare. In antichità, in genovese comunque "demoâse" voleva dire - più che divertirsi - fermarsi, riposarsi. Ma il relax, quello che cerchiamo nel tempo libero, non è forse esso stesso un divertimento?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E dunque, nel tempo, da "trattenersi", il significato si è evoluto in "intrattenersi"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Passano la notte insieme in albergo, al mattino sul conto di lei mancano 750 euro

  • Tragico schianto in via Merano, muore scooterista

  • Malore fatale in strada, tragedia a Santa Margherita Ligure

  • Meteo: la perturbazione cambia traiettoria, modificati gli orari dell'allerta

  • Ritrovato dopo otto anni un giovane scomparso da Roma

  • A settembre su Sky la serie con Paola Cortellesi, ambientata a Genova

Torna su
GenovaToday è in caricamento