Dialetto curioso: cosa fa una persona che va a "demoâse"?

Da dove deriva questa parola in genovese? E cosa voleva dire, originariamente?

Chi è di Genova avrà sicuramente già sentito l'espressione "demoâ" o "demoâse". Ma cosa vuol dire? E cosa fa una persona che va a "demoâse"?

I genovesi doc conoscono la risposta: demoâ vuol dire "divertire", e demoâse "divertirsi". Ma forse non tutti sanno da dove arriva questa strana parola, così lontana dalla sua traduzione italiana.

Bisogna - come spesso accade - andare a ricercare le radici di questo termine nel latino. "Demoâ" deriva infatti da "demorare" cioè trattenersi; e, da qui, intrattenersi.

Da questa parola deriva l'italiano "dimorare", cioè abitare. In antichità, in genovese comunque "demoâse" voleva dire - più che divertirsi - fermarsi, riposarsi. Ma il relax, quello che cerchiamo nel tempo libero, non è forse esso stesso un divertimento?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E dunque, nel tempo, da "trattenersi", il significato si è evoluto in "intrattenersi"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Basilico in esubero per chiusura ristoranti, le aziende agricole organizzano la consegna a domicilio

  • Coronavirus: la curva rallenta, ma i contagiati sono oltre 2.000 e i morti 254

  • Coronavirus, i numeri tornano a crescere in Liguria: 2.226 i positivi, 26 nuovi decessi

  • Genova, tutte le attività commerciali che sono aperte e che fanno consegna a domicilio

  • Coronavirus, 51 morti in un giorno. I casi positivi sono 2.329

  • Coronavirus, l'intuizione al Villa Scassi: apparecchiature da sub per testare l'efficacia dei ventilatori

Torna su
GenovaToday è in caricamento