Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ponte Morandi, un mese dopo: le testimonianze degli sfollati. Video

Tante persone ancora non sanno cosa ne sarà delle loro case

 

Venerdì mattina, in occasione del minuto di silenzio a Certosa per commemorare le vittime a un mese dal crollo del ponte Morandi, anche tanti sfollati sono scesi in piazza per partecipare e anche per chiedere cosa ne sarà delle loro case ai rappresentanti delle istituzioni presenti.

«I nostri obiettivi sono due - spiega Franco Ravera, presidente del Comitato di via Porro - rientrare nelle nostre case per riprendere quanto di più caro abbiamo, e capire che fine faranno i nostri palazzi. Vista la situazione, molte persone adesso hanno grosse perplessità a convivere con un altro ponte, in futuro. Vorremmo avere la possibilità, un domani, di scegliere se rimanere o non rimanere».

«Devo confrontarmi con queste povere persone che purtroppo da un mese non riescono più a entrare nelle loro case - spiega l'amministratore condominiale Maurizio Carrea -. Mi chiedono sempre di sapere quando potranno rientrare in modo da poter recuperare tutto quello che hanno dentro. C'erano persone che, al momento del crollo, erano in vacanza, e dunque non sono riuscite a portare via proprio nulla».

Giovanni Genco, uno degli sfollati, ricorda i terribili momenti di un mese fa. Tutti i giorni, da quando il ponte è crollato, dopo il lavoro torna in Valpolcevera per aspettare informazioni «Ero a casa insieme a mia figlia poi ho sentito un boato, sembrava una scossa di terremoto. Ho sentito urlare, mi sono affacciato dal poggiolo e ho visto l'inferno. Ho detto a mia figlia che dovevamo uscire immediatamente di casa, ci siamo vestiti velocemente, e siamo andati via. Vivo qui da 30 anni, ormai c'è la mia vita in questo quartiere».

Potrebbe Interessarti

Torna su
GenovaToday è in caricamento