menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lazio-Genoa 4-1: un Piatek da record non basta, Grifone colabrodo in trasferta

Il Genoa si ferma ancora una volta in trasferta nonostante la quinta rete in A di Piatek, un pessimo primo tempo compromette la gara contro la Lazio che vince 4-1 con la doppietta di Immobile e i gol di Caicedo e Milinkovic-Savic

Due ko su due con nove gol subiti in 180 minuti, continua il mal di trasferta del Genoa che dopo il 5-3 del Mapei Stadium crolla 4-1 anche contro la Lazio. Non basta un Piatek da record, quinto gol in Serie A, nono stagionale, nessuno come lui alla prima stagione di A dal lontano 99, quando il record fu di Shevchenko. Unica nota lieta della giornata, per Ballardini c'è tanto da lavorare nel pacchetto difensivo.

IL PAGELLONE DEL MATCH: MIGLIORI E PEGGIORI

Pessimo primo tempo del Grifone, la mossa a sorpresa Medeiros non convince e dopo sette minuti la Lazio è subito avanti con Caicedo che colpisce a rete su sponda aera di Milinkovic-Savic con la difesa rossoblù immobile. Reazione timida del Genoa e al 23' ci pensa Immobile, l'ex, a raddoppiare su servizio di Parolo in seguito a una disattenzione di Bessa: 2-0. Ballardini cambia subito, fuori Spolli, dentro Kouamè che affianca Piatek. Medeiros inizia a legittimare la propria maglia da titolare, ma prima dell'intervallo il risultato non cambia: 2-0 Lazio negli spogliatoi.

TUTTE LE AZIONI MINUTO PER MINUTO

Nessun cambio nella ripresa, ma il secondo tempo si apre col botto ovvero con la nona rete stagionale di Piatek. Incredibile la stagione del polacco che sfrutta un liscio di Acerbi per trafiggere Strakosha. Quinto gol in quattro gare in A per il polacco all'esordio, l'ultimo a riuscirci era stato Shevchenko nel 1999. La partita sembra riaprirsi, ma al 53' ci pensa Milinkovic-Savic a rimettere le distanze con un golpo di testa da grande giocatore: 3-1. Cambia ancora Ballardini, fuori Romulo, dentro Lazovic. Il terzo gol però spegne definitivamente il Grifone, la Lazio va vicina al poker con Immobile e Parolo. C'è spazio nel finale anche per Sandro che subentra a Medeiros, il solo Piatek prova a riaprire la gara, ma il risultato non cambierà più. Trasferta ancora una volta amara per il Genoa, che nel finale, come se non bastasse, subisce anche la quarta rete biancoceleste, ancora una volta dell'ex Immobile. Triplice fischio, Lazio 4 Genoa 1. Ma non c'è tempo per recriminare, mercoledì al Ferraris arriva il Chievo.

TABELLINO E VOTI NELLA PAGINA SEGUENTE

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caos autostrade: code anche in serata

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Costume e società

    Il poeta Guido Gozzano e quelle mangiate alla "Marinetta" di Genova

  • Costume e società

    Cosa vuol dire "stanco"? Storia di un "falso amico" genovese

Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento