rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
Altro

La Pro Recco vince la Coppa Italia, è la decima di fila

Ancora un successo per la Pro Recco che a Genova, alle piscine di Albaro, batte Ortigia e vince la Coppa Italia.

Cambia l'avversario, ma non il risultato. La Pro Recco vince la Coppa Italia per la decima volta di fila e questa volta ad arrendersi è Ortigia 12-8 dopo otto anni di sfide tra i recchelini e Brescia per alzare il titolo. La squadra di Sandro Sukno alza il trofeo alle Piscine di Albaro di Genova che hanno ospitato la Final Eight della competizione a partire da venerdì

La cronaca della Finale di Coppa Italia Pro Recco-Ortigia 12-8

I liguri passano al primo affondo con una biduina da maestro di Aicardi, servito perfettamente da Fondelli (1-0). Iocchi Gratta commette fallo grave su Velkic, ma la superiorità numerica è gestita male dai siciliani; biancoverdi che però passano un minuto dopo con Di Luciano chirurgico da zona 1 (1-1). Non c'è un attimo di respiro, i ritmi sono altissimi. Tempesti si supera sui diagonali, da lato opposto, di Echenique e Cannella. Liguri che passano con Zalanki (extra player) che mulina il mancino e non lascia scampo a Tempesti per il 2-1. Il 3-1 porta la firma di due evergreen Ivovic in versione rifinitore e Aicardi in quella di bomber (altra girata d'applausi) per il 3-1. Ferrero forza troppo un paio di conclusioni e il primo quarto finisce qui.

Si riparte Francesco Condemi che d'astuzia sorprende la marcatura di Cannella che commette fallo da rigore: dai cinque metri Ferrero è glaciale per il 3-2 che rimette in scia l'Ortigia. Younger si sblocca con un diagonale dal lato corto per l'immediato 4-2. Del Lungo è miracoloso su un missile di Francesco Condemi dal perimetro; poi il numero azzurro nella successiva ripartenza serve Iocchi Gratta che indisturbato dai sei metri sigla il 5-2. Aicardi è in giornata di grazia: riceve parla in verticale da Fondelli, si smarca di Rossi e timbra il 6-2. Piccardo inserisce il doppio centro, liberando spazio a Condemi che da zona quattro sorprende Del Lungo per il 6-3 a meta gara e che tiene ancora in vita l'Ortigia.

L'alzo e tiro, veloce e preciso, di Vidovic spiazza Del Lungo e porta il punteggio sul 6-4; poi altro capolavoro di Aicardi che con veemenza si prende un pallone non perfetto servito da Iocchi Gratta e con una sciarpata da manuale della pallanuoto fissa il 7-4. E' la finale dei colpi d'autore: Cassia con un pallonetto morbido griffa il 7-5. Non c'è un attimo di respiro. Hallock si prende il rigore (fallo di Rossi) che Younger con lucidità capitalizza per l'8-5. La squadra siracusana trova il primo gol con l'uomo in più, grazie a Cassia che (zona quattro) porta il punteggio sull'8-6. L'Ortigia torna in scia con uno straordinario Cassia che piazza una botta micidiale dai sette metri per l'8-7. Sukno prova a dare la scossa ai Campioni d'Italia e cambia portiere: fuori Del Lungo e dentro Negri. Il punteggio resta sull'8-7 dopo tre tempi.

Ultima frazione al cardiopalma e da emozioni forti. Il pallone diventa pesante e vengono fuori i campioni come Ivovic che prende palla in difesa, nuota veloce come non mai e dal perimetro sorprende, complice una deviazione di Ferrero, Tempesti per il 9-7. I liguri alzano il pressing: Ferrero è poco lucido dai cinque metri. Lo scossone al match lo da Echenique che trova l'angolo giusto con il mancino, bravo anche Di Fulvio ad attirare due marcature su di lui, per il 10-7 che vale lo strappo decisivo nel match. Negri è reattivo su Vidovic. Si scaldano gli animi: Zalanki fa fallo da rigore su Rossi; tra i due volano colpi proibiti e vengono espulsi. Dai cinque metri Ferrero spiazza Negri (10-8). L'abbrivio del match è comunque cambiato. Nell'azione seguente va a referto anche Di Fulvio che dal lato corto fa 11-8 che a due minuti dalla fine spegne le chance di rimonta dei biancoverdi. Il Recco gestisce, gioca su tutti i secondi del possesso di palla. Negri mette al sicuro la Coppa Italia dei liguri con un intervento d'istinto su Francesco Condemi. Younger in extra player fissa il definitivo 12-8. La Pro Recco può festeggiare la diciassettesima Coppa Italia della sua storia.

Le parole di Sukno e Felugo

Al termine della gara parla il tecnico della Pro Recco Sandro Sukno: Le parole di Sandro Sukno (Allenatore Pro Recco). "Voglio fare i complimenti all'Ortigia perché ha disputato un eccellente match. Abbiamo però meritato di vincere questa Coppa Italia: dopo aver messo in mostra un'ottima pallanuoto in tutti e tre i giorni della Final Eight. Sapevo che oggi non era facile, perchè l'Ortigia non aveva nulla da perdere, ma i ragazzi sono rimasti lucidi e concentrati dall'inizio alla fine. Ci tenevamo a vincere davanti al nostro pubblico. Complimenti a tuti ed in particolare ad Aicard e Ivovic: sono un esempio".

Felice anche il presidente della Pro Recco Maurizio Felugo "Complimenti all'Ortigia e alla sua leggenda Stefano Tempesti perché sono stati eccezionali ed hanno dato del filo da torcere. In genere le finali non sono divertenti: oggi gli spettatori hanno potuto assistere ad una pallanuoto d'alto livello. Non ci fermiamo certamente alla Coppa Italia. La stagione è lunga e abbiamo tanti obiettivi da raggiungere. Il gruppo è tosto, forte e motivato e sa quello che vuole".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Pro Recco vince la Coppa Italia, è la decima di fila

GenovaToday è in caricamento